Allerta Meteo: forti temporali in arrivo al Nord Italia e nell’Europa centrale

L'elaborazione di MeteoWeb con gli Avvisi per le prossime ore

Mancano ormai poche ore allo scoccare dell’ora “X” per i violenti fenomeni temporaleschi attesi tra l’Italia settentrionale e l’Europa centrale: le autorità competenti sono già allertate per quella che sarà una violenta ondata di maltempo.
Il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una allerta meteo a partire da stasera fino a domani sera per “piogge e temporali anche di forte intensità, più frequenti sui settori alpini e prealpini, prima sulle regioni del nord ovest e successivamente sul Triveneto“. Questo peggioramento è legato a una “sbuffata” fresca proveniente dall’oceano Atlantico che porrà di fatto fine, almeno al nord, all’ondata di calore iniziata la scorsa settimana. Al centro/sud continuerà a far caldo, ma l’Italia settentrionale si appresta ad abbandonare le alte temperature già dalla giornata di mercoledì 13 luglio proprio grazie a questa perturbazione che determinerà anche fenomeni estremi. “Le manifestazioni temporalesche potranno essere accompagnate da forti raffiche di vento, locali grandinate e frequenti scariche elettriche” ha specificato il Dipartimento della Protezione civile, che seguirà l’evolversi della situazione in contatto con le prefetture, le regioni e le locali strutture di protezione civile.

Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare è assolutamente d’accordo: “dalle prime ore di mercoledì 13 luglio si prevede una forte attività temporalesca anche con grandinate su Valle d’Aosta, Piemonte e Lombardia, in estensione durante la giornata a Veneto e Trentino Alto Adige” ha infatti scritto negli ultimi bollettini.

I fenomeni temporaleschi colpiranno dapprima la Francia meridionale per poi estendersi, nella mattinata di mercoledì 13, su Svizzera e nord/ovest Italiano. Nel corso della giornata continueranno a spostarsi verso est, estendendosi ad Austria e Italia nord/orientale, per poi concentrarsi in serata nel cuore dell’arco Alpino, lungo i confini di Italia, Svizzera e Austria, e nella Germania orientale e meridionale.

Si tratterà di fenomeni molto violento, con grandinate in cui i chicchi di grandine saranno di grosse dimensioni, piogge torrenziali (veri e propri nubifragi che potranno provocare allagamenti, frane e smottamenti) e tempeste di fulmini. Infatti i cumulonembi saranno molto ravvicinati e potranno dar vita a sistemi convettivi a mesoscala (MCS, per approfondire vedi quest’articolo di meteo didattica).

I fenomeni saranno più intensi tra Svizzera, Austria e Germania, dove c’è il rischio di autentiche devastazioni anche per le forti raffiche di vento. Ma neanche al nord Italia si potrà scherzare, infatti sono attesi fenomeni particolarmente violenti, tanto che non sono da escludere fenomeni vorticosi.

Continuate a seguirci per il nowcasting, a cui potrete partecipare con i commenti nei vari articoli e inviandoci foto, video e segnalazioni all’indirizzo di posta info@meteoweb.it.

I primi temporali stanno già colpendo, diffusi a macchia di leopardo, l'Europa centro/occidentale: nelle prossime ore si rinforzeranno e, ricompattandosi, "attaccheranno" l'Europa centrale