Nesat e Nalgae: i tifoni più violenti dell’anno hanno provocato 82 morti...

Nesat e Nalgae: i tifoni più violenti dell’anno hanno provocato 82 morti nele Filippine

anticiclone
questo è un anticiclone
anticiclone

I due tifoni che uno dopo l’altro hanno sferzato gran parte del territorio delle Filippine, i più violenti dell’anno, hanno provocato la morte di 82 persone. Lo ha indicato l’ultimo bilancio diffuso dalle autorità di Manila. Molte città dell’isola principale, Lucon, sono state inondate dopo il passaggio di Nesat il 27 settembre e quindi di Nalgae cinque giorni più tardi. Il bilancio precedente, per le due tempeste, era di 58 morti, ma è stato rivisto verso l’alto, dopo la conferma della morte di molte persone ritenute disperse: lo ha indicato l’Ufficio della difesa civile. Restano ancora 25 persone ritenute disperse, sempre secondo l’Ufficio.
Più di 270mila abitanti di Lucon non erano ancora rientrati nella loro abitazioni ed erano ospitati in alloggi d’emergenza. Il livello dell’acqua ha raggiunto fino a 3,6 metri in alcuni posti delle pianure agricole al centro dell’isola. Alcune zone sono ancora inondate, ha precisato la difesa civile. Nesat e Nalgae sono stati i tifoni più violenti a colpire le Filippine nel 2011, secondo i servizi di meteorologia. Una ventina di tifoni colpiscono il Paese ogni anno. Gli ultimi, Nock-ten e Muifa, hanno provocato 70 morti a luglio.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...