Astronomia: questa sera sarà visibile nei nostri cieli una fantastica congiunzione tra...

Astronomia: questa sera sarà visibile nei nostri cieli una fantastica congiunzione tra la Luna e Giove

Il pianeta Giove

Questa sera sarà possibile osservare una spettacolare congiunzione tra il nostro unico satellite naturale, la Luna, ed il gigante del sistema solare, Giove. I due corpi appariranno molto vicini nel cielo nella costellazione dell’Ariete, in una prospettiva di grande fascino. Naturalmente il gigante gassoso ci appare come un puntino luminoso con colorazione bianco avorio essenzialmente per la sua notevole distanza rispetto alla Luna, che se affiancata al gigante sarebbe un puntino molto piccolo. La massa di Giove infatti è pari a 2468 volte quella di tutti gli altri pianeti del sistema solare messi insieme. In astronomia una congiunzione è la configurazione planetaria che si determina quando due astri hanno la stessa longitudine o la stessa ascensione retta viste dal centro della Terra. Nel caso di un pianeta interno (con una distanza dal Sole minore di quella della Terra: Mercurio o Venere) o della Luna, la congiunzione può presentarsi in due configurazioni diverse. Se il pianeta si trova nella stessa direzione della Terra rispetto al Sole, si dice che esso è in congiunzione inferiore; questa posizione corrisponde alla minima distanza dalla Terra. Quando, invece, si trova in direzione opposta dalla Terra rispetto al Sole, si dice che esso è in congiunzione superiore; questa posizione corrisponde alla massima distanza dalla Terra. In astronomia, l’Ascensione Retta (spesso indicato con la sigla AR, o anche RA dalla sua traduzione inglese) è un termine associato al sistema di coordinate equatoriali. L’Ascensione Retta è analoga alla longitudine, ma proiettata sulla sfera celeste anziché sulla superficie terrestre. Lo zero corrisponde al Primo Punto d’Ariete (punto dell’equinozio primaverile). L’AR è misurata in ore, minuti e secondi, corrispondenti alla rotazione terrestre: 24 ore di AR sono un giro completo. Un’ora equivale a 15 gradi (da notare che l’AR usa il tempo siderale e non quello civile). L’A.R. può essere usata per trovare la posizione di una stella, e per calcolare quanto tempo le occorrerà per trovarsi in un certo punto del cielo. A causa dei lenti movimenti della Terra (primo fra tutti la precessione degli equinozi), il sistema di coordinate su cui si basa l’Ascensione Retta cambia lentamente nel tempo, ed è necessario specificare l’epoca astronomica a cui ci si riferisce. Tornando all’evento di questa sera, già un binocolo mostrerà uno spettacolo degno di essere osservato: la Luna mostrerà vari crateri da impatto e i cosiddetti mari lunari, che altro non sono che enormi distese di lava solidificata, anche se essendo quasi piena, mostrerà poche ombre sulla sua superficie. Sono i periodi meno favorevoli all’osservazione, in quanto l’illuminazione frontale non consente di ammirare i rilievi, e quindi la superficie appare quasi piatta. Per vedere gli interessanti dettagli lunari invece, bisogna osservarla nelle fasi parziali, vicino il terminatore, che rende le zone vicine molto interessanti da vedere grazie al gioco di illuminazione radente. Il terminatore è quell’arco ideale che separa la parte illuminata dalla zona in ombra del disco lunare.

Giove e i suoi principali satelliti al binocolo

Osservando Giove invece è possibile osservare i 4 satelliti galileiani che gli ruotano attorno. Sono i famosi satelliti scoperti da Galileo Galilei con il suo cannocchiale, che rendono la visione davvero suggestiva. Accanto vi mostriamo come dovrebbe apparire la visione di giove in un binocolo: il satellite più vicino al gigante è Io, un mondo ricco di vulcani attivi. Man mano che si procede verso l’esterno si trova Europa, un mondo ghiacciato vista la sua notevole distanza dal Sole. In alto ecco il grande Ganimede, il più grande satellite di Giove e anche il più grande dell’interno Sistema Solare. Ed infine Callisto, terzo satellite più grande del sistema solare con dimensioni paragonabili a quelle del pianeta Mercurio. Mondi lontani, osservabili con un semplice binocolo. Oggi sappiamo cosa sia una congiunzione e il perchè ciò si verifica. In passato gli antichi ne avrebbero tratto qualche credenza, pensando che fosse magari un messaggio da parte degli Dei. Ciò che non cambia nel tempo è il fascino di questi fenomeni che loro contemplavano, i quali ci avvicinano ad un denominatore comune, ossia al fantastico mondo dell’astronomia.

 

Giove e la Luna alle 19 di stasera, come apparirebbero ad un osservatore che guarda da Roma (Italia)

Definizione congiunzione: Wikipedia.org

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...