Filippine devastate dalla tempesta tropicale Washi: 440 morti, 500 dispersi e 100 mila senzatetto. Le immagini del disastro

sabato 17 dicembre 2011, 19:56 di

Mentre sull’Italia viviamo il primo weekend invernale della stagione, il sud delle Filippine è stato sferzato nelle scorse ore da una violentissima tempesta tropicale di nome Washi che ha provocato piogge torrenziali e potenti raffiche di vento in piena notte, cogliendo di sorpresa la popolazione. Ed è stata una strage: 440 morti accertati, almeno altri 500 dispersi e almeno 100mila sfollati.
Tra i dispersi, circa 400 persone mancano ancora all’appello nella sola citta’ di Iligan, mentre proseguono gli sforzi dei soccorritori. Purtroppo il bilancio delle vittime sembra destinato ad aumentare. La tempesta (chiamata Sendong nell’arcipelago) ha colpito l’isola di Mindanao con venti fino a 90km/h. Ma è soprattutto la quantità d’acqua caduta ad aver causato il disastro, con smottamenti e fiumi gonfiatisi all’improvviso, travolgendo i centri abitati in particolare nelle aree meno elevate. “Interi villaggi sono stati spazzati verso il mare, non ho mai visto niente del genere“, ha detto un portavoce dell’esercito, Leopoldo Galon. Le immagini diffuse dalle tv mostrano corpi nel fango, case distrutte e cumuli di automobili in particolare in alcune cittadine sulla costa settentrionale dell’isola; i trasporti e le comunicazioni sono paralizzati, così come mancano la luce elettrica e l’acqua potabile.

Il ministero del Welfare stima in almeno 100mila i senzatetto. Secondo il sindaco di Iligan City, Lawrence Cruz, l’acqua è salita di un metro in meno di un’ora, costringendo molte persone a cercare rifugio sul tetto. Molti però dormivano, e non sono riusciti a salvarsi in tempo: nella città almeno 75 persone sono morte annegate. A Cayagan de Oro City, che conta mezzo milione di abitanti, il bilancio ufficiale parla finora di 86 corpi recuperati, tra cui molti bambini; secondo il sito di informazione filippino Interaksyon, però, gli obitori della città sono sopraffatti dal numero delle vittime, probabilmente superiori a 300.
Oltre 20 mila soldati sono impegnati nella frenetica gestione dell’emergenza da questa mattina, evacuando migliaia di residenti e soccorrendo almeno 15 persone che erano finite in mare. Il maltempo ha causato la cancellazione di almeno sei voli interni della Cebu Pacific nella regione, dove sono stati interrotti anche i collegamenti marittimi.

Nel frattempo Washi ha lasciato la regione dirigendosi verso ovest; dopo esser passato sull’isola di Palawan, tra stasera e domani mattina, indebolendosi progressivamente, si prevede che la tempesta lascerà l’arcipelago in serata.
Le Filippine sono interessate ogni anno da una ventina di tempeste tropicali, ma l’isola di Mindanao è solitamente meno colpita; particolare, hanno fatto notare le autorità locali, che ha probabilmente portato molti residenti a sottovalutare la violenza di Washi. Nel resto del Paese, la più grave tempesta degli ultimi anni è stata Ketsana, che nel 2009 causò 464 vittime a Manila e nell’enorme periferia. Quest’anno, a settembre i due tifoni Nesat e Nalgae avevano provocato un centinaio di vittime a distanza di pochi giorni.

http://www.youtube.com/watch?v=hfL2cNJB7mA

http://www.youtube.com/watch?v=GANz_kbL22A

http://www.youtube.com/watch?v=8523eqYcssI

http://www.youtube.com/watch?v=ubPAiuzcdjE

Commenta


NEWS


MeteoWeb disponibile su App Store

Iscriviti alla Newsletter
Collegati