Meteo Web

Tra domani e lunedì potrebbe nevicare anche a Malta! Non succede dal 31 gennaio 1962

Provate a scrivere su http://www.google.it/ “Malta Neve” e il motore di ricerca vi darà errore, dicendo che forse state cercando “Malta Nave”. Che le navi siano più frequenti delle nevi nell’isola dei Cavalieri non ci sono dubbi. Ma quanto sia davvero rarissimo veder fioccare a Malta lo sanno in pochi.
Come abbiamo già spiegato stamattina nella nostra pagina di facebook, nei prossimi giorni a Malta potrà nevicare, specie tra domani e martedì. L’ultimo episodio era stato quello di inizio gennaio 2009, quando in realtà sull’isola non ha nevicato ma i maltesi ebbero l’illusione della neve. Si trattava solo di grandine e gragnola, un fenomeno molto più frequente nell’isola Maltese d’inverno, quando l’aria fredda in quota affluisce da latitudini nordiche nel cuore del Mediterraneo, dov’è presente aria mite: rimescolandosi tra loro le due masse d’aria danno vita a quei contrasti che determinano temporali così frequenti che scaricano aria fredda dalle alte quote ai bassi strati provocando queste grandinate, fatte di chicchi piccoli e bianchissimi, che non si fondono in breve tempo e che precipitano in grosse quantità dando vita ad accumuli abbondanti.
La neve vera, a Malta, è rarissima: solamente 4 volte, negli ultimi 200 anni, è capitato che ha fioccato nell’isola Maltese, e solo una volta con accumulo.
Il primo rilevamento risale al febbraio 1895, parliamo quindi di ben 114 anni fa.
Una bufera di neve con raffiche di vento interessò l’isola di Malta ma non ci furono accumuli. In quei giorni la temperatura scese a La Valletta fino a +1,2°C, ancora oggi record assoluto per Malta.
Poi dobbiamo andare al gennaio 1905, quando sono stati segnalati un paio di episodi nevosi nell’isola Maltese dovuti ad una poderosa e insistente ondata di burian Siberiano, ma in entrambi i casi senza accumulo.
Sia nel febbraio 1895 che nel gennaio 1905 le ondate di gelo che portarono qualche fiocco di neve a malta furono nevosissime per la Sicilia, imbiancando quasi tutta l’isola sin sulle coste.
Venendo più vicini ai nostri tempi, nel marzo 1949 è stata segnalata una forte nevicata a Malta pur senza accumulo.
E’ il notevolissimo episodio che portò neve record nell’Appennino Siculo, e che ha ancor più valore se si considera che è capitato a marzo, non quindi nel clou dell’inverno (anche se marzo nel cuore del Mediterraneo è a tutti gli effetti un mese invernale).
L’ondata di neve più intensa a Malta, però, è più recente.
Risale al 31 gennaio 1962, quindi a 47 anni fa.
Per diverse ore nevicò in tutta l’isola e per l’unica volta negli ultimi due secoli, nella parte centrale dell’isola la neve accumulò un sottile strato di 2-3 centimetri al suolo.
Nell’ex base militare di Ta’quil (dove oggi c’è un centro artigianale) la temperatura minima il 1° febbraio 1962 scese fino a -1,7°C, l’unica gelata della storia della piccola Repubblica Maltese, che conta due isole abitate (Malta e Gozo) e due isole disabitate più qualche altro piccolo scoglio.

Tra domani e dopodomani la situazione è da monitorare in modo assolutamente costante in quanto possibili fioccate non sono affatto da escludere! Ecco le nostre pagine per monitorare la situazione in tempo reale:
satelliti, situazione, fulminazioni e radar.