Lo straordinario clima di Mentone, un angolo quasi sub-tropicale in Costa Azzurra, dove l’estate dura (quasi) tutto l’anno

Mentone, che in francese si dice “Mènton”, sorge appena oltre il confine con l’Italia, a due passi da Ventimiglia, proprio lì dove c’è la frontiera tra la Costa Azzurra francese e la provincia di Imperia, in Liguria. E’ una cittadina di circa 30.000 abitanti situata nel dipartimento delle Alpi Marittime, nella regione di Provenza-Alpi-Costa Azzurra, bagnata dal mar Ligure.
Mentone è nota per il suo clima, eccezionalmente mite e soleggiato al punto da potersi considerare quasi “subtropicale, come testimonia la vegetazione locale caratterizzata da giardini di piante esotiche ed agrumi. Poche altre località Mediterranee possono vantare un tipo di clima simile: è il caso, ad esempio, del basso reggino jonico, sulla punta dello Stivale, o del golfo di Hammamet, in Tunisia. Parliamo comunque di aree situate ben più a sud della Costa Azzurra. Mentone, per intenderci, si trova più a nord di Toronto!
Le temperature medie di Mentone sono miti e piacevoli per tutto l’arco dell’anno. Il mese più freddo è gennaio, con una media di +8,0°C nelle temperature minime e +12,2°C nelle massime; il più caldo è agosto con +21,5°C di media nelle minime e +25,9°C nelle massime, valori degni delle più calde località costiere di Calabria e Sicilia.
Ma l’estate dura molti mesi: la media di maggio, ad esempio, è di +14,8°C nelle minime e +19,3°C nelle massime, quella di ottobre di +15,5°C nelle minime e +19,9°C nelle massime. L’elemento davvero straordinario, inoltre, è il soleggiamento: sono 315, in media, i giorni di sole annui che caratterizzano questa straordinaria località, a fronte di appena 50 giorni di pioggia ogni anno!
Nessuna località vicina, in Liguria o nel principato di Monaco o a Nizza e dintorni, vanta un clima così mite che è dovuto fondamentalmente alla posizione geografica di Mentone e all’orografia che la circonda: affacciata a sud/est, la cittadina francese è “protetta” da alti rilievi, tipicamente Mediterranei, quasi a strapiombo sul mare sia a ovest che a nord e così subisce il fenomeno del “favonio“, il vento di caduta dalle montagne, ogni qual volta i venti soffiano da ovest, da nord o da nord/ovest. E da queste parti, nel sud della Francia, i venti soffiano quasi sempre da queste direzioni.
Il fohen è il tipo di vento che cade oltre le montagne quando soffia dal versante opposto e, compattando l’aria, la rende molto più calda e secca. Succede in pianura Padana quando c’è una forte tramontana, o sui vari versanti dell’Appennino in base alle correnti al suolo.
Ecco perchè a Mentone le spiagge sono popolate e gremite anche nei mesi invernali, e le temperature spesso sono ben più elevate rispetto a località molto vicine.
Ultima nota sulle piogge: qui a Mentone piove solo con lo scirocco, quando cioè i venti provengono da sud/est, cosa che capita più di frequente nei mesi primaverili e in quelli autunnali. Le poche piogge, però, si verificano in modo particolarmente intenso e violento, spesso accompagnate da forti venti e mareggiate a causa della posizione del centro di bassa pressione tra la Spagna orientale, le isole Baleari e la Francia sud/occidentale.
Alcuni scorci di Mentone: