Smog, diesel inquinante: il Codacons chiede risarcimenti per i cittadini

Smog, diesel inquinante: il Codacons chiede risarcimenti per i cittadini

Dopo l’esposto presentato ieri dal Codacons alla Procura di Milano con la richiesta di sequestro dei veicoli alimentati a diesel, ritenuti cancerogeni dall’Oms, l’associazione dei consumatori torna oggi alla carica e lancia in tutta Italia una campagna per il risarcimento dei danni da smog. In 45 citta’ italiane – spiega l’associazione – si registra un eccessivo sforamento delle soglie limite giornaliere di Pm10 nell’aria imposte dalle norme, soglie che non possono essere superate per piu’ di 35 giorni all’anno. Regioni e Comuni sarebbero obbligati a monitorare costantemente gli agenti inquinanti dannosi per la salute, tra cui il Pm10 ed il Pm2.5, e ad adottare tutte le misure necessarie ad evitare i conseguenti gravissimi danni per la salute, in particolare tutte le tragiche patologie legate all’apparato cardio-circolatorio e respiratorio causate dall’inquinamento dell’aria. Molti comuni, province e regioni, tuttavia, continuano a non tutelare la salute dei cittadini, con la conseguenza che oltre 8.500 persone muoiono ogni anno in Italia a causa dello smog. Il Codacons ha dunque avviato una mega-azione risarcitoria in favore dei cittadini residenti nelle 45 citta’ (il cui elenco e’ pubblicato sul sito dell’associazione), costretti a respirare aria malsana ed inquinata. Ciascuno di loro, anche in assenza di danni alla salute e per il solo fatto di essere stato costretto a vivere in un ambiente inquinato e respirare aria malsana, puo’ chiedere attraverso l’azione dell’associazione e al solo costo di 6 euro, 2.000 euro di risarcimento danni.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...