Eclissi di venerdì 20 marzo, energia elettrica a rischio: Terna dispone il distacco di tutti gli impianti eolici e fotovoltaici

Preoccupazioni per l’approvvigionamento energetico in vista dell’eclissi di venerdì 20 marzo: in Italia ci sarà una riduzione del 21% della produzione, in Germania addirittura del 50%

pannelli solari (1)Per “evitare squilibri nella produzione di energia” durante l’eclissi di Sole di venerdì 20 marzo, Terna ha disposto il distacco per 24 ore di tutti gli impianti eolici e fotovoltaici da 100 o più kW. L’eclissi di sole durerà circa due ore e mezza venerdì mattina dalle 09:20 alle 11:45 e l’Entso-E, la Rete Europea che unisce 41 gestori di rete in 34 paesi, ha previsto in Italia una riduzione del 21% della produzione nel momento di massimo oscuramento e del 50% in Germania per un totale di circa 34 GW. Nel rapporto stilato il mese scorso dall’agenzia europea si legge che la velocita’ del calo di produzione potra’ superare i 400 MW al minuto, mentre la ripresa sara’ ancora piu’ rapida, fino a 700 MW al minuto. L’Entso-E non ha raccomandato il distacco totale degli impianti ma Terna ”per evitare problemi di equilibrio delle reti per via della rapida interruzione della produzione dei circa 18 GW fotovoltaici installati in Italia” ha ordinato lo stop ai titolari degli impianti (una procedura prevista dal Codice di Rete di Trasmissione Nazionale).