Tecnologia: ETT e Samsung inaugurano la nuova “Future Home” [FOTO]

ETT è partner principale di Samsung Italia nella realizzazione della “Future Home”, inaugurata oggi a Milano. Uno showroom permanente in zona Porta Nuova a cui l’azienda genovese ha curato gli allestimenti e fornito le applicazioni software applicate all’intera gamma dei device “intelligenti” prodotti da Samsung

Smart Home, cultural heritage, internazionalizzazione, queste alcune della parole chiave di ETT in questo primo semestre del 2015, che vedono l’azienda genovese, al 15esimo anno di attività,  impegnata nella realizzazione di: l’exhibit multimediale della nuova Future Home di Samsung che è inaugurato oggi 13 aprile a Milano; allestimento del nuovo Museo dell’Emigrazione in Basilicata il 23 maggio in contemporanea con l’avvio in Inghilterra della mostra itinerante “MAGNA CARTA REDISCOVERED” e la realizzazione di un SERIOUS GAME per il King’s College University di Londra. La costante attività di sperimentazione sulle tecnologie hardware e software nell’ambito della multimedialità, dell’interattività, degli smart devices e del digital signage ha consentito infatti all’azienda genovese di raggiungere risultati di rilievo, accreditandola come player dinamico nell’ambito New Media sia a livello nazionale, sia internazionale. A livello nazionale ETT sarà partner principale di Samsung Italia nella realizzazione della “Future Home” inaugurata a Milano oggi 13 aprile.

Future home samsumgUno showroom permanente in zona Porta Nuova a cui l’azienda genovese ha curato gli allestimenti e fornito le applicazioni software applicate all’intera gamma dei device “intelligenti” prodotti da Samsung. La collaborazione tecnologica e commerciale con l’azienda coreana, per cui ETT è diventata uno dei principali partner per la fornitura di soluzioni applicative nell’ambito del digital signage, è iniziata con il sistema di ”guida” mobile MuseoscienzApp basato su dispositivi smartphone/tablet e  sui beacon, piccole antenne che utilizzano la tecnologia Bluetooth Low Energy (BLE) presentato a gennaio dal MUSTMuseo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. Il 23 maggio, grazie al know how di ETT alla sua terza esperienza nell’allestimento di musei dedicati alle migrazioni (MeM, Memorie e Migrazioni Galata Museo del Mare di Genova –  Museo dell’Emigrazione Marchigiana di Recanati),  inaugurerà il nuovo Museo dell’Emigrazione Basilicata Nino Calice che attraverso exhibit multimediali racconterà ai visitatori la storia delle migrazioni lucane nel mondo. Sempre nel Sud Italia, sono in corso le realizzazione dell’EcoParco di Pollino (PZ) e dell’Acquario Multimediale di Diamante (CZ).

Future home samsumg IIl processo di internazionalizzazione avviato da ETT in questi anni si è concretizzato, nel 2014, in importanti progetti nell’ambito New Media grazie ai riconoscimenti ottenuti a livello europeo come best practice per l’innovatività delle soluzioni realizzate (conferenza Digital Heritage di Marsiglia – ottobre 2013 –convegno NODEM – Nordic Digital Excellence in Museums – Stoccolma 2013 e Varsavia 2014), complice anche l’apertura della nuova sede di Londra. Ad aprile infatti ETT, lancerà il nuovo SERIOUS GAME realizzato per il King’s College University di Londra ovvero un gioco interattivo per testare le capacità spaziali e di navigazione che verrà condotto da TEDSTwins Early Development Study, la più grande banca dati internazionale sui gemelli che raccoglie più di 15.000 coppie. Questo tipo di test prevede, solitamente, una durata di circa 2 ore, ma ETT,  grazie all’integrazione tra tecnologie e nuovi linguaggi di gaming, ha ridotto la durata a circa 30 minuti, rendendo più accattivanti i loro test  psicometrici basati sull’intelligenza spaziale e trasformando la prova in un’attività coinvolgente. Il 23 maggio prenderà l’avvio la mostra itinerante “MAGNA CARTA REDISCOVERED”, un road show di 6 tappe nel sud dell’Inghilterra -Faversham, Canterbury, Maidstone, Dover, Sandwich e Rochester- che celebrerà gli 800 anni dalla sigla del famoso documento redatto nel 1215 per sancire l’accordo di pace tra Re Giovanni Senzaterra e i baroni del suo regno. L’exhibit multimediale e itinerante, commissionato da Visit Kent, l’istituzione che promuove il turismo e le attività culturali della regione, in collaborazione con Faversham Town Council e finanziato dall’Heritage Lottery Fund, permetterà ai visitatori di scoprire la storia della Magna Carta, nello specifico, l’esemplare di Faversham, un’edizione del 1300, di proprietà dello stesso Ente.  ETT ha curato il progetto nella sua interezza, dalla grafica, al design, dall’allestimento temporaneo (un tavolo touch dove gli utenti potranno interagire e insieme scrivere la magna carta e apparati interattivi dove scoprirne la storia) al merchandising,  contribuendo a far conoscere il documento in tutti i suoi aspetti.

ETT è una Industria Digitale e Creativa. Integrando saperi diversi e competenze multidisciplinari, si occupa di innovazione tecnologica e culturale, sviluppo software e consulenza. Nata nel 2000, vanta un ruolo di primo piano a livello nazionale in diversi ambiti applicativi, ed in particolare: Smart Government, New Media e Ricerca Scientifica. Nel campo dei New Media ETT offre soluzioni ad alto contenuto tecnologico – device touch e multitouch, mobile, realtà virtuale e aumentata – che permettono di valorizzare e divulgare il patrimonio culturale. L’azienda genovese oggi è azienda leader nella realizzazione di allestimenti multimediali, interattivi e immersivi con all’attivo oltre 315 installazioni. Fra queste, spicca la “Sala della Tempesta”, la più recente delle oltre 60 installazioni realizzate per il Galata – Museo del Mare di Genova, che integra tecnologie interattive con sistemi 4D di ultima generazione. ETT ha curato inoltre gli allestimenti multimediali per la Riserva Naturale dell’Isola Gallinara, il Polo Museale di Sestri Levante e Castiglione Chiavarese, i Musei Capitolini, il Museo di Roma – Palazzo Braschi, il Museo della Ceramica di Fiorano Modenese, il Museo dell’Emigrazione Marchigiana di Recanati,  il Museo dell’Astronomia e dello Spazio presso il Planetario di Torino, la nuova area espositiva SPAZIO presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci (MI).