Storia di Musica – Il Maiale rosa

Un piacevole viaggio nel mondo della musica moderna, dai suoi albori fino ai giorni nostri

Rimaneva quasi impassibile e imperturbato Roger Waters quando il giornalista continuava a proporgli delle osservazioni tanto scontate e banali quanto fastidiose ed inopportune, cosianche allennesima frecciatina, con le braccia larghe ed adagiate sul divano, le gambe aperte comodamente ed un fare sollazzato, risponde alla domanda: “ Qualcuno sostiene che non fate piu` musica, che usando le distorsioni implicate un modo di fare musica che da tanti non viene riconosciuto, cosa ne pensa?!”, lui lo guarda e senza cambiare espressione esclema: “Che li usino anche gli altri…”

Sono indiscutibilmente i padri del rock space progressivo sperimentale e psichedelico, furono i primi a usare le distorsioni nella musica e vengono considerati gli avi della musica digitale, forse il piugrande genio musicale della storia, per determinati aspetti e per aver interpretato e perseguito, cambiandone la concezione per sempre, un determinato tipo di Rock.
Figli della British Invasion, i Pink Floyd nascono a Londra alla meta
degli anni sessanta dallincontro tra Syd Barrett, che ne sarala voce, il bassista Roger Waters, il tastierista poi ai sintetizzatori Richard Wright ed il batterista Nick Mason. Nel 1967 si aggiunge un altro chitarrista, un certo David Gilmour. Hanno influenzato tutti i sound degli anni settanta e band grandiose ed epocali come i Genesis di Gabriel e Collins, che non sarebbero neppure esistiti se non avessero ascoltato il primo album A Saucerful of Secret del 67, oppure Ummagumma del 1969. Oppure, i Jetro Thrall, i Deep Purple fino ai Queen. Sono lorigine della musica ambient e chill-out, anticipata di decadi, e Brain Eno non sarebbe diventato quello che e se i Pink Floyd non avessero cominciato a fare musica. La formazione rimarrasempre la stessa, con una piccola variazione in difetto, ovvero il vecchio ed eclettico Syd che da ideatore, fondatore e principale compositore della band, la deve lasciare nel 1968 per evidenti problemi di dissociazione dati da alcol e droghe. Per il resto rimangono sempre loro fino allo scioglimento avvenuto ufficialmente nel 1995, ma effettivamente, quando Waters nel 85 decide di prendere la sua strada, tra il rapporto ormai abbastanza difficoltoso e logorato con Gilmour e lidea che fosse terminato un ciclo.
kinks-523dcd09cb694Mentre i Kinks nel 1964 pubblicano You really got me, pezzo avanguardista e considerato il primo pezzo di hard rock della storia, e mentre gli Who di Pete Townshend diventano sempre piu Who, succede che 4 ragazzi si mettono a scherzare con dei sintetizzatori e iniziano a distorcere le chitarre e i bassi, creando atmosfere spaziali, oniriche, psichedeliche e fantascientifiche. Con o senza articolo davanti (The) il nome del gruppo viene preso da due blusman, rispettivamente: Pink Anderson e Floyd "Dipper boy" Council, e rimarra questo fino alle diatribe legali dopo lo scioglimento del 1985 per chi doveva continuare ad usarlo. Anche per i Pink Floyd il background musicale esoprattutto folk-blues e prende spunto anche dal rock and roll della fine dei 50 ed e fortemente influenzato, ovviamente, anche dalla scena psichedelica che arrivava dalla California e dalla contemporanea invasione britannica che stava facendo di Londra la capitale mondiale della musica.

dark-side-of-the-moon-album1

La particolaritadei Pink Floyd al contrario di tante altre band che hanno fatto luno e/o laltro: hanno avuto diversi e distinti periodi artistici, ma non perche hanno cambiato formazione e neppure come conseguente e progressiva maturazione artistica che porta a cambiare sound, come i Clash ad esempio, bensiperche hanno avuto tre leadership differenti nella loro carriera e queste hanno influenzato la loro produzione in modo netto e chiaramente distintivo come conseguenza della loro personalita.
<p style="text-align: justify;">La prima fase e
quella legata allispirazione di Barrett che, da buon visionario qualestato e stimolato dai“viaggi” indotti da sostanze psico-attive, da un impronta intergalattica e space alla produzione della band, inducendo caratteristiche e connotati che rimarrano evidenti anche nei lavori successivi a egli. I testi sono bizzarri, diversi e trattano temi astronomici, fantastici e fiabeschi, il tutto steso su un letto di passaggi musicali che richiamano e stimolano la psichedelia. La principale caratteristica della produzione musicale dei Pink Floyd sta nel fatto che, fin da subito e lo faranno sempre, i loro brani avevano delle durate medie fuori misura soprattutto se rapportati ai quei tempi in cui lindustria era ancora giovane ed agli inizi, per cui si tendeva a rimanere in parametri commerciali dettati dalle case discografiche. Ed anche se gia vi erano state canzoni lunghe come Whatd I say</em> di Ray Charles del 59 incisa su due lati (parte uno sul lato A e perte due sul lato B del 33 giri), oppure Desolation Row di Dylan che nel 65 fece scalpore per la sua durata di oltre undici primi, erano assolutamente delle eccezioni, le tracce fino ai Pink Floyd duravano dai due minuti e mezzo ai cinque massimo (ed erano gia piuttosto lunghe). Loro ebbero la forza contrattuale, data dalla loro fortissima personalita musicale, di cambiare le regole ed imporre le loro. In una traccia si possono riconoscere almeno 3 o 4 canzoni differenti e ben distinte.“Questo eil nostro modo di fare musica” disse Barrett al numero uno della Columbia Records per luscita del loro primo album, “ se vi va bene, bene….altrimenti troveremo unaltra etichetta che sia pronta a cambiare le carte in tavola”. Non ci fu bisogno, si intui subito che quei quattro ragazzi non avevano affatto voglia di scherzare e che verosimilmente avrebbero cambiato la storia della musica, e difatti, cosi` fu….

Nel 1968 Syd Barrett viene allontanato e parcheggiato “affettuosamente” dai compagni con la promessa, da parte di tutti, di riabilitare un genio che aveva perso la retta via nell`oblio di alcol e stupefacenti. Cosi` la band passa in mano a David Gilmour, l`ultimo arrivato e oltre ad essere un virtuoso chitarrista, canta ad una tonalita` altissima, praticamente un mezzo tenore.

Tecnicamente la fine del 68, ma effettivamente Ummagumma, che e` il primo album senza Barrett del 69, ancora incarna perfettamente l`impronta visionaria di Syd ed anche nel successivo Atom Heart Mother si possono notare gli ultimi strascichi. Tutti scrivono canzoni e musiche, anche questa fu una bellissima caratteristica della band, se leggete i nomi affianco alle canzoni dei Pink Floyd, troverete spesso indistintamente tra le parentesi: Barrett, Waters, Gilmour o Wright e si puo` trovare anche Mason nei pezzi strumentali. Ma vista la loro poderosa azione musicale, seppur in perfetta sintonia e continua collaborazione multilaterale, come tutte le band avevano bisogno di un leader, di un direttore di orchestra in questo caso vista la loro magnificienza e complessita` sonora. Cosi` dopo Barret e` Gilmour a prendere in mano la situazione e nel album del 1970, Meddle, e` evidente la sua impronta molto piu` melodica e armonica, che arrivera` addirittura, visti gli inizi, ad un sound praticamente acustico, che si erge in tutta la sua raggiante bellezza nell` album Whish You Where Here, dedicato proprio all`amico Barret. Acustico sempre relativamente con i Pink Floyd, per non confondere le idee, Whish You Where Here e` l`album che contiene anche i 22 minuti di Shine on you crazy Diamond. L`album Meddle e` sicuramente l`album spartiacque dei Pink, quello che in un certo senso apre ufficialmente la seconda fase della band e che lasciera` delle radici per la terza, oltre ad aver regalato alla storia della musica due pezzi sublimi, quali: la strumentale One of this Days (sigla di Dribbling per una vita) e Echos. In un certo senso Meddle e` anche il preludio di quello che per molti viene considerato il loro miglior album, non per me, nonche il piu` venduto (tra i piu` venduti della storia con oltre 50 milioni di copie), ovvero The Dark Side of the Moon del 73, nel quale si passa da atmosfere vuote e surreali ad altre piu` acustiche e pop rock sperimantali, sempre nel loro stile, di canzoni come Money o Time. Piccolo aneddoto simpatico, pare che per capire quale era il giusto mix di campane per l`inizio di Time, Waters non abbia dormito per sei giorni. Questo per fare capire la maniacale ossessivita` che i 4 avevano rispetto ai sound creati ed emessi, nel non tralasciare mai nessun dettaglio, ed e` abbastanza evidente questo aspetto nel fatto che furono loro stessi a proporre ai loro managers di registrare in una location particolare, una di quelle che potrebbe armonizzare ed allo stesso tempo esaltare ed enfatizzare il loro sound, e quale miglior posto dell`anfiteatro di Pompei?!?….

maialino-volante-londra

Registrarono una performance memorabile ed unica, anche video, che passo` alla storia come The Pink Floyd live at Pompeii, nel 72, che solo mentre lo scrivo il pensiero mi fa venire la pelle d`oca.

Dopo Whish You Where Here del 75, il loro nono album studio registrato agli Abbey Road Studios di Londra, gli stessi dei Beatles per intederci, si passa alla terza ed ultima fase della band, ovvero quella in cui Waters prende la leadership dando un nuovo ed ultimo stile al gruppo, che possiamo grossolanamente definire come una commistione delle prime due fasi. Cosi` Waters in piena maturita` artistica, cresciuto notevolmente in quegli anni, ci mette dentro anche la sua vita ma soprattutto le sue emozioni, e come definisce lui stesso: “un bisogno urgente e impellente di comunicare una empatia sociale, politica ma soprattutto umana.”

Dara` vita alla trilogia che chiude tecnicamente la produzione artistica dei Pink Floyd, anche se successivamente vi saranno altri due album studio, ma gia` senza Waters, per cui praticamente trascurabili.

Ispirato dalla fattoria degli animali di Orwell, dal tanto profondo quanto inquietante messaggio che allegoricamente lo scrittore inglese lascia tra le pagine di un romanzo che quasi sembra per bambini, sforna il primo album della trilogia, Animals, nel 1977, un lavoro sensazionale che contiene 5 tracce, di cui 2 da 3 minuti e le altre 3 da circa 14 primi di media l`una, rispettivamente: Pigs on the wing part 1, Dogs, Pigs, Sheep e Pigs on the wing Part 2.

I suoi testi descrivono le varie classi sociali come differenti specie di animali; i cani, aggressivi, come rappresentanti della legge, i maiali, dispotici e spietati, rappresentano i politici e la “mandria insana e cieca”, ovvero la societa`, e` antropomorfizzata dalle pecore. Mentre il romanzo si focalizza sullo Stalinismo, l’album è una critica al capitalismo e differisce nella rivolta delle pecore nei confronti dei cani. Da questo momento un grosso maiale rosa accompagnera` le scenografie delle loro suggestive performance live, nelle quali hanno sempre aggiunto un qualcosa in piu` rispetto alle registrazioni in studio, mescolando effetti speciali come laser e luci particolari che ne fecero anche i padri dell`esperienza audio-visiva. Il maiale rosa diventara` il simbolo della band, in riferimento a quell`uomo che poi tanto uomo non e` come suggeriva Orwell.

Animals, come concept album, ispira la nascita` del secondo lavoro della trilogia, The Wall, dal mio punto di vista il loro miglior album indiscutibilmente, e che si concludera` con The Final Cut del 1983.

Ricordo, ed in modo anche piuttosto vivido, che avevo circa sei anni quando correvo a casa da scuola per mettere su The Wall, non era solo un disco per me, era il mio fumetto preferito e non avevo bisogno di altro una volta appoggiata la puntina del giradischi sul vinile. Un lavoro mostruoso, di una completezza assoluta, tra sound, liriche e significato, inteso come messaggio da cogliere. Una vera e propria opera musicale dalla quale chiaramente venne fatto un lugometraggio omonimo. Waters ci mette dentro delle storie relative alla sua sfera privata che vanno: dalla morte del padre nella seconda guerra mondiale nella battaglia di Anzio, alle sue cattive esperienze scolastiche in istituti particolarmente duri e austeri, sino alle proprie paure conflittuali che la societa` e la civilta` umana gli suggerivano. Ci sono delle canzoni stupende, delle pietre preziose anche prese singolarmente, a prescindere dalla connessione che hanno tra di loro in quanto concept album, come Comfortably Numb o Mother, ma soprattutto c`e` tutta la disperazione, il nichilismo e l`angoscia della consapevolezza del fallimento dell`uomo su questo pianeta, della vittoria del capitalismo sulle masse e sull`uguaglianza, di una forbice sempre piu` ampia tra le classi, che diminuisce e consolida i pochi ricchi ed aumenta drammaticamente i tantissimi poveri. Nonostante in piena guerra fredda, il muro non si riferisce a quella “cortina di ferro” che divideva l`Europa, il mondo, come la defini` Churchill, bensi` ad un muro invisibile, a quel muro che non si vede e che non e` mai caduto. In modo quasi profetico anticiparono quella dinamica per la quale anche finita la guerra fredda, anche finiti i due blocchi: quel muro di cui parlano loro non cadra` mai, almeno fin quando le cose rimarranno cosi`….

Sono passati 37 anni dalla pubblicazione di The Wall, e il significato ed il messaggio contenuto in questo album sono di una attualita` disarmante, che quasi fa paura e se non ne fa, di certo fa riflettere a fondo.

pink_floyd_-_the_wall

Il muro al quale si riferiscono i Pink Floyd, eil muro issato dai poteri forti quelli sovraordinati alla politica, da coloro che vogliono le guerre perche li arricchiscono, da coloro i quali aumentano la disgregazione e la differenziazione sociale per mantenere e consolidare il proprio potere, dal gruppo Bilderberg, dai banchieri internazionali e da tutti coloro i quali credono che lavidita, la tirannia, lindifferenza e la cattiveria a scopo di lucro siano cose giuste e giustificabili.....
<p style="text-align: justify;">Ma per coloro i quali hanno una coscienza, un cuore e del coraggio messo da parte, questo tipo di dinamiche non fanno altro che aumentare la consapevolezza che se si vorra
continuare ad andare avanti con queste regole, le distanze e le barriere continueranno ad umentare…. Costringendoci ad aggiungere un altro mattone nel muro…..

Noi non abbiamo bisogno di educazione……Noi, non abbiamo bisogno di controllo totale!!!!