Scienza, Roma: il 24 ottobre si terrà il Longevity Day Italia

Roma: durante il Longevity Day verrà presentato il libro “La Fine dell’Invecchiamento” del guru Aubrey de Grey

Deleyva Editore, l’Italian Institute for the Future, la Longevity Alliance Italia, la corrente di pensiero del Connettivismo, l’Open Biomedical Initiative, l’Associazione Italiana Transumanisti, il Network dei Transumanisti Italiani, insieme ad altri enti e associazioni, organizzano a Roma, per sabato 24 ottobre alle ore 17:30, nella Sala Eventi dell’area archeologica dello Stadio di Domiziano (Piazza Navona), un incontro nell’ambito dell’International Longevity Day. A discutere di questi temi saranno alcuni tra i principali esperti italiani ed internazionali. Nel corso dell’incontro sarà, inoltre, presentata l’edizione italiana del testo più rivoluzionario del longevismo, “La Fine dell’Invecchiamento” di Aubrey de Grey, portato in Italia, da Deleyva Editore. All’evento interverranno: Alessio Brugnoli (Scrittore, membro del connettivismo); Riccardo Campa (Sociologo, professore presso l’Università Jagellonica di Cracovia); David De Biasi (Coordinatore della Longevity Alliance Italia e co-fondatore del Network dei Transumanisti Italiani); – Aubrey de Grey (ricercatore presso l’università di Cambridge, direttore del progetto SENS, autore del libro La Fine dell’Invecchiamento); – Alberto Mazzocato (Traduttore e curatore dell’edizione italiana de “La fine dell’Invecchiamento”); – Roberto Paura (Presidente dell’Italian Institute for the Future); – Bruno Lenzi (CEO Open Biomedical Initiative); – Emmanuele Jonathan Pilia (Direttore esecutivo dell’Associazione Italiana Transumanisti e direttore editoriale di Deleyva Editore); – Ilia Stambler (membro dello IEET – Institute for Ethics and Emerging Technologies, ricercatore presso Bar-Ilan University).

aubrey de greyA chiudere la giornata una Tavola Rotonda, moderata da Remo Montanari, Luca Bevilacqua e Massimo Saviotti (membri del board dell’Associazione Italiana Transumanisti). Emanuele Pilia, durante un’intervista con Roberto Guerra, ha affermato che: ” Il Longevity Day è un evento in cui tutti noi crediamo molto, nonostante i vari problemi che lavorare con il pubblico può comportare: ma è un male a cui ci sottovalutiamo volentieri, se questo ci porta a poter divulgare le idee legate al longevismo – continua Pilia- ad una platea sempre più ampia, per riflettere su quali saranno le sfide che un prolungamento indefinito della vita porterà al nostro sistema economico, all’assetto della nostra società, all’assistenza medica, insomma, al nostro mondo. Saranno presenti molti politici e giornalisti, per cui sarà importante cercare di parlare proprio a loro, nonché anche ad un pubblico generalista, per cercare di capire quale sarà la strada che la nostra società dovrà intraprendere”. “Aubrey de Grey è senza dubbio uno dei più interessanti ed influenti scienziati nell’ambito del longevismo, tanto da essere considerato un vero e proprio guru. Inoltre è un bravissimo comunicatore, tanto che anche un non-scienziato (come il sottoscritto) può comprendere senza problemi le fondamenta- afferma Pilia- su cui si basa il suo programma di ricerca. Un programma di ricerca che è conosciuto con una sigla ormai entrata nell’immaginario transumanista: SENS (Strategies for Engineered Negligible Senescence, strategie per l’ingegnerizzazione di un invecchiamento trascurabile). La SENS, come suggerisce il nome stesso, – spiega il direttore dell’Associazione Italiana Transumanisti –  propone un approccio ingegneristico alla cura dell’invecchiamento, che viene trattata come una vera e propria malattia, basandosi sull’idea che l’invecchiamento, essendo causato dall’accumularsi di danni e rifiuti al livello molecolare e cellulare, possa essere curato semplicemente riparando tali danni a scadenze di tempo determinate. Insomma, se volessimo semplificare con una metafora, il corpo umano sarebbe simile ad un’automobile, i cui componenti possono essere riparati o sostituiti ogni qual volta se ne presenti la necessità. Guasti e danni- conclude Pilia- che si verificano come conseguenza dell’uso del nostro corpo, ossia del nostro metabolismo, che non è sempre in grado di riparare i danni generati dal suo funzionamento”.