La Sclerosi Multipla e il legame con la patologia delle vene giugulari...

La Sclerosi Multipla e il legame con la patologia delle vene giugulari interne

La patologia delle vene giugulari interne è stata profondamente indagata

E’ stato pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Multiple Sclerosis un interessante articolo (review) intitolato “The Pathology of the Internal Jugular Vein in Multiple Sclerosis” (La patologia della vena giugulare interna nella sclerosi multipla).

Secondo alcuni ricercatori dell’Università di Ferrara, negli ultimi anni è stata descritta una condizione denominata come insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI), spesso ma non esclusivamente associata alla sclerosi multipla (SM), che ha generato una forte controversia scientifica sulla prevalenza epidemiologica e sul possibile ruolo nella complessa eziopatogenesi multifattoriale della SM.

Tuttavia, la descrizione della CCSVI ha anche stimolato una notevole attività di ricerca sulle vene extracraniche. Tra i campi di interesse, la patologia delle vene giugulari interne (IJVs) è stata profondamente indagata da alcuni gruppi, in modo da migliorare le nostre conoscenze in un campo sottovalutato della ricerca sulla SM. Attualmente, le pubblicazioni disponibili mostrano chiaramente la presenza di anomalie nella parete della IJV dei pazienti con SM rispetto ai tessuti di controllo. Nella tunica intima sono stati descritti un disturbo significativo e la perdita delle cellule endoteliali. Inoltre, la microscopia elettronica ha dimostrato l’assenza di endotelio nelle valvole giugulari difettose. Nella avventizia è stato descritto un rapporto inverso tra collagene di tipo I e III, con prevalenza di quest’ultimo. Infine, nello strato avventizio è stata trovata la presenza di calcificazioni disposte intorno alla vena venarum. La valutazione delle cellule immunitarie nei tre strati della IJV non ha dimostrato una maggiore infiltrazione. Gli studi attuali non chiariscono l’origine della patologia della IJV nei pazienti con SM. E’ stata sostenuta un’eziologia congenita, infettiva, o anche post-trombotica. Infine, l’articolo riassume gli studi che collegano la fisiopatologia della CCSVI alla complessa patogenesi della SM, ed in particolare all’impatto del limitato deflusso cerebrale sulla fluidodinamica cerebrospinale e sulla perfusione cerebrale.

Fonte: http://www.omicsgroup.org/journals/the-pathology-of-the-internal-jugular-vein-wall-in-multiple-sclerosis-2376-0389-1000160.php?aid=63610

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...