L’energia solare abbatte i prezzi in Sicilia, boom per l’export su Malta

invenzioni

Sono due i “cambiamenti epocali” accaduti nel 2015 nel campo dell’energia in Sicilia discussi oggi a Palermo durante la presentazione dell’edizione 2016 del Sicily’s Solar Report presso la sede della presidenza regionale. Nella prima settimana di maggio grazie al fotovoltaico in Sicilia il prezzo dell’elettricita’ durante le ore centrali della giornata, pari a circa 53 euro per megawattora, e’ risultato inferiore al prezzo unico nazionale dell’elettricita’ pari a oltre 61 euro per MWh, contribuendo quindi ad abbassare il prezzo per tutti gli utenti nazionali. In circa 8 mesi a partire da fine marzo, poi, la Sicilia ha esportato verso Malta un miliardo di chilowattora grazie al nuovo cavo sottomarino di 96 chilometri che da Marina di Ragusa fornisce alla sottostazione elettrica di Maghtab ben 225 megawatt di potenza elettrica sotto forma di corrente alternata secondo gli standard europei.

energia_solare1“In questo modo – dice il ricercatore del Cnr al Polo solare, Francesco Meneguzzo – la Sicilia diventa esportatrice di energia pulita. Un ruolo che si accrescera’ in modo significativo fra non molto, quando sara’ attivo il nuovo grande cavidotto fra Sicilia e Calabria“. Prima della messa in funzione del nuovo collegamento Sicilia-Malta, il 21% circa di energia rinnovabile prodotta in Sicilia risultava “non programmabile”, ovvero non coincidente con la domanda di energia che in Sicilia e’ in calo da anni. Col nuovo cavidotto Sicilia-Malta, l’energia pulita siciliana trova un nuovo grande sbocco. E infatti, la quantita’ di elettricita’ esportata dalla Sicilia e’ passata da 1,492 miliardi di chilowattora nel 2014 a 2,13 miliardi nel 2015.

CONDIVIDI
Nato a Reggio Calabria il 18 maggio 1986, è giornalista pubblicista dal 2009. Nel 2004 ha fondato il blog MeteoWeb che nel 2010 è diventato testata giornalistica, di cui è Direttore Responsabile. Dirige diverse testate per il gruppo editoriale Socedit