La curcuma: scopriamone gli effetti negativi e le controindicazioni

La curcuma: scopriamone gli effetti negativi e le controindicazioni

La curcuma: scopriamo proprietà e benefici, controindicazioni e ed effetti collaterali

La curcuma, lo sappiamo, presenta tanti benefici: potere antinfiammatorio, usata per la digestione, è antitumorale, cicatrizzante, antiossidante, apprezzata per le sue proprietà farmaceutiche tra cui quelle coleretiche-colagoghe, che favoriscono la produzione di bile, il deflusso intestinale e stimola lo svuotamento della colecisti.

Nota negativa è la poca biodisponibilità di questa spezia, ovvero il tempo in cui il nostro organismo è in grado di assorbire e trasformare il principio attivo della curcuma.

Pertanto è necessario prendere degli accorgimenti per incrementarne la disponibilità:

CURCUMA 5

  • Pepe nero, associandola a quest’altra spezia grazie alla presenza della piperina che ha la proprietà di stimolare l’attività secretiva dell’apparato gastroesofageo, è però controindicata in caso di gastrite, malattia da reflusso gastro-esofageo, ipertensione, ulcera gastrica ed emorroidi.
  • Aggiungere un grasso sano come l’olio d’oliva.
  • Da consumare a crudo.

CURCUMA 4La curcuma come può succedere ad altre spezie presenta delle controindicazioni; ad esempio non può essere consumata dalle persone affette da gastrite o da chi ha dei problemi di litiasi biliare e patologie ostruttive delle vie biliari. In rari casi associati a lungo termine, può causare ulcere intestinali.

Gli effetti collaterali invece possono essere nausea, diarrea, eruzioni cutanee e un retrogusto amaro. Anche se combinata con farmaci anticoagulanti, la curcumina può essere pericolosa da assumere in quanto fluidifica il sangue dopo un infortunio, o un intervento chirurgico.

Valuta questo articolo

Rating: 4.7/5. From 3 votes.
Please wait...