Africa: la fine del caffè arriverà nel 2100, colpa del clima

"Farà sempre più caldo e sarà un caldo sempre più secco. Ciò inciderà profondamente sul microclima necessario alla sopravvivenza della pianta del caffè"

L’Istituto australiano del clima ha rilevato che entro la fine del secolo l’Africa orientale potrebbe non produrre più caffè: si stima infatti che che entro il 2050 gli effetti del riscaldamento globale ridurranno del 50% le superfici favorevoli alla coltivazione della pianta, e del 100% entro la fine del secolo.

Secondo Christophe Montagnon, direttore scientifico del World coffee research, interpellato da ‘Radio France Internationale’, “fara’ sempre piu’ caldo e sara’ un caldo sempre piu’ secco. Cio’ incidera’ profondamente sul microclima necessario alla sopravvivenza della pianta del caffe’. Non solo, ma l’innalzamento della temperatura portera’ anche a un aumento delle malattie e degli insetti che attaccano la pianta“.