Eutanasia, Gasparri: “Si potrebbe arrivare a uccidere i disabili, o quelli che sono storpi o brutti”

Gasparri non ha usato mezzi termini per dire la sua sull'eutanasia dopo quanto accaduto ad un diciassettenne in Belgio

Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato e senatore di Forza Italia, è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Gasparri non ha usato mezzi termini per dire la sua sull’eutanasia dopo quanto accaduto ad un diciassettenne in Belgio: “E’ una vicenda orribile, io sono contrario all’eutanasia, questo è stato chiaramente un omicidio, si sono inventati il suo consenso per dare il potere ai genitori di sopprimerlo. Questa strada voluta dalla sinistra, dal radicalismo, da tutto il laicismo imperante, si potrebbe arrivare a uccidere i disabili, o quelli che sono storpi o quelli che sono brutti. E’ una forma di nazismo moderno targato sinistra, è il nazismo dei nostri tempi. Si può arrivare alla eugenetica, sei brutto, hai dei difetti, ti ammazziamo“.