Fertility day, il ministero: “Le accuse sono ridicole, il razzismo è negli occhi di chi guarda”

Le accuse di razzismo per la campagna del 'Fertility day' sono "ridicole": lo sottolinea il ministero della Salute

Le accuse di razzismo per la campagna del ‘Fertility day‘ sono “ridicole“. Lo sottolinea il ministero della Salute, dopo la nuova polemica legata all’iniziativa in programma domani. Rispetto “alla copertina di uno degli otto opuscoli in distribuzione“, specifica il ministero, “e’ noto che il razzismo e’ negli occhi di chi guarda“. La giornata, ricorda il ministero, e’ promossa “per aumentare soprattutto nei giovani la conoscenza sulla propria salute riproduttiva e fornire strumenti utili per tutelare la fertilità attraverso la prevenzione, la diagnosi precoce e la cura della malattie che possono comprometterla e le tecniche di Procreazione medicalmente assistita. In quattro città italiane il ministero della Salute ha organizzato Tavole rotonde con la partecipazione di esperti della materia, operatori sanitari, società scientifiche, associazioni, famiglie e giornalisti per approfondire i temi centrali della fertilità. Nella giornata di domani verrà reso noto anche un sondaggio che da’ misura dello scarso livello di conoscenza dei problemi legati alla fertilità“.