Lo stabilimento “Fonti del Vulture” di Coca-Cola Hbc Italia festeggia 120 anni con nuovi importanti investimenti

Circa due milioni di euro saranno investiti nel 2017 nello stabilimento Fonti del Vulture di Rionero in Vulture (Potenza) – dove, nel 2015, sono stati imbottigliati oltre 355 milioni di litri di acqua Lilia e Sveva – per realizzare una nuova bottiglia da mezzo litro di contenuto e altri ammodernamenti sulle quattro linee produttive. Lo hanno annunciato oggi il direttore delle relazioni istituzionali e comunicazione di Coca-Cola Hbc Italia, Giangiacomo Pierini, e il direttore dello stabilimento, Zafiris Gallis. Lo stabilimento di Rionero – dove lavorano oltre cento persone – e’ stato fondato 120 anni fa, nel 1896, da Antonio Traficante, che creo’ un’azienda specializzata nell’imbottigliamento dell’acqua che, ancora oggi, sgorga dalle pendici del Monte Vulture (un antico vulcano ormai spento) e che tuttora arriva in fabbrica percorrendo chilometri di condotte. Nel febbraio del 2006 Fonti del Vulture e’ stata acquistata al cento per cento da Coca-Cola Hbc Italia che vi ha realizzato diversi investimenti: nel 2008, ad esempio, una linea ad alta velocita’ da 1,3 milioni di bottiglie al giorno. Pierini e Gallis hanno sottolineato la sostenibilita’ dello stabilimento e l’alta tecnologica utilizzata per la produzione, con riconoscimenti da parte di Conai e la certificazione europea “Ews” sul corretto impiego dell’acqua. L’attuale stabilimento di Rionero, realizzato nel 1980 – e che produce a ciclo continuo, sette giorni su sette e per 24 ore al giorno – e’ cresciuto di ampiezza in seguito a tre interventi di espansione e attualmente ha una superficie di 19 mila metri quadrati, diecimila dei quali adibiti a magazzino per conservare vari formati di bottiglie di Lilia, Lilia frizzante e Sveva. Delle quattro linee produttive, l’ultima e’ capace di produrre 54 mila bottiglie all’ora.