Maltempo: La Spezia progetta il recupero delle acque piovane

Duecentomila euro sono stati dati al Comune della Spezia grazie al progetto comunitario Adapt, con l'obiettivo di adattare la citta' ai cambiamenti climatici

Duecentomila euro sono stati dati al Comune della Spezia grazie al progetto comunitario Adapt, con l’obiettivo di adattare la citta’ ai cambiamenti climatici. Il Comune utilizzera’ le risorse europee per mettere a punto un progetto pilota sulla regimazione delle acque e per un piano di azione sull’adattamento climatico. In particolare verranno messe in opera nuove tecniche di raccolta e recupero delle acque piovane per prevenire gli allagamenti che si verificano frequentemente nella zona del parco della Maggiolina e nei pressi della biblioteca Beghi. Il progetto e’ stato studiato grazie al masterplan La Spezia 20.20 per una “smart city“. Il progetto comunitario – che vede oltre al Comune della Spezia altri 12 partner dei territori di cooperazione tra Liguria, Toscana, Sardegna, Corsica, Costa Azzurra – mira a prevenire i rischi procurati dai cambiamenti climatici, come le alluvioni in citta’. “Il Comune della Spezia vuole caratterizzare il progetto smart city su tematiche ambientali, impegnandosi a ricercare tutti i possibili canali di finanziamento comunitario e continuando la collaborazione con le reti attivate” spiega l’assessore all’ambiente Laura Ruocco.