Napoli: Carlo e Camilla di Borbone in visita al Cardarelli di Napoli

Una borsa di studio per valorizzare, un anno dopo l’altro, le promesse della medicina napoletana. E’ questo l’annuncio fatto questo pomeriggio dalla principessa Camilla di Borbone delle Due Sicilie che, assieme al principe ereditario e capo del casato Carlo di Borbone ed alla principessa Beatrice di Borbone, ha visitato l’Ospedale Antonio Cardarelli di Napoli.

Ad accogliere i Reali il direttore generale Ciro Verdoliva unitamente ai direttori Franco Paradiso e Anna Iervolino e ad una rappresentanza di medici e infermieri.

Le Altezze Reali Carlo e Camilla di Borbone delle Due Sicilie – Duca e Duchessa di Castro – e Beatrice di Borbone delle Due Sicilie sono stati accolti nel padiglione monumentale del Cardarelli dove il direttore generale ha raccontato loro quelle che sono le eccellenze garantite (fin dal 1942) dal più grande ospedale del Mezzogiorno d’Italia. Un ricordo che il polo didattico infermieristico ha voluto tener vivo accogliendo i reali indossando la divisa storica.

I principi hanno poi chiesto e ottenuto di visitare alcuni reparti dell’Ospedale e per questo sono stati accompagnati nel reparto di Ematologia diretto dal dottor Felicetto Ferrara, e in seguito nel reparto di Oncologia diretto dal dottor Giacomo Cartenì. Reparti che senza alcun dubbio rappresentano due eccellenze della Sanità campana. Proprio nel corso di questa visita la principessa Camilla ha annunciato di essere quest’anno la madrina del premio Buona Sanità e di voler dedicare un premio alle giovani eccellenze mediche napoletane.

La decisione della principessa Camilla rende omaggio ai molti primati che hanno distinto in passato la medicina napoletana in Europa, a cominciare dall’assistenza sanitaria gratuita, la prima promulgata in Italia, realizzata da Ferdinando IV, in occasione della fondazione della colonia di San Leucio.

Queste le parole del direttore generale Verdoliva.

Ancora una volta il Cardarelli dimostra che l’eccellenza, come la memoria di un glorioso passato, non svanisce. Il nostro compito è “lavorare per garantire salute”. Questa visita ci rende orgogliosi e ci sprona ancor più a fare bene per ricambiare i cittadini/pazienti della fiducia che ci concedono affidandosi alle moltissime professionalità del Cardarelli che con passione si impegnano ogni giorno. Tutti noi, anche sulla spinta chiara e forte e dei nuovi obiettivi assegnati dal Governatore De Luca, abbiamo il desiderio di riconquistare un ruolo di primo piano nella Sanità nazionale”.