Olio di oliva, Coldiretti: in migliaia nella Capitale in difesa del Made in Italy

"Il nostro olio è primo al mondo per alta qualità del prodotto, tracciabilità, numero di cultivar a disposizione e profili organolettici che rappresentano la vera ricchezza del made in Italy olivicolo"

Tantissimi agricoltori sono partiti questa mattina all’alba dalla capitale per partecipare alla manifestazione della Coldiretti in difesa dell’olio, in programma a Firenze in occasione della Giornata nazionale dell’extravergine italiano. Una mobilitazione straordinaria per dire basta alle truffe, alle speculazioni e alla concorrenza sleale che mettono a rischio la sopravvivenza di migliaia di aziende del settore: 68mila solo nel Lazio, quinta regione italiana per produzione con 86mila ettari di superficie dedicata all’olivicoltura“. E’ quanto afferma David Granieri, presidente di Coldiretti Roma e Lazio. “Il nostro olio è primo al mondo per alta qualità del prodotto, tracciabilità, numero di cultivar a disposizione e profili organolettici che rappresentano la vera ricchezza del made in Italy olivicolo. Un’eccellenza sfruttata da altre nazioni che spacciano l’olio di oliva straniero come italiano approfittando degli scarsi controlli interni, a differenza di quanto accade nel nostro Paese dove ci sono nove livelli diversi di indagine sulla qualità e l’origine del prodotto e mediamente 20.000 controlli all’anno da parte del Ministero della Salute. Anche per questo – conclude – è necessario che la cosiddetta legge ‘Salva olio’ venga rigorosamente applicata“.