Piede d’atleta: cause, sintomi, cura e prevenzione

Il piede d’atleta è un’infezione fungina estremamente contagiosa che provoca arrossamento localizzato e prurito. Ecco come riconoscerla, curarla e prevenirne l’insorgenza

La tigna o piede d’atleta è un’infezione fungina estremamente contagiosa, provocata da dermatofiti che, a causa dell’umidità normalmente presente per la sudorazione, si installano tra le dita dei piedi dove è più facile l’attecchimento.

Tra i sintomi: arrossamento localizzato (in genere inizia tra le dita dei piedi) e prurito. La pelle desquamata o le ferite causate dalle unghie che grattano la zona per tentare di alleviare il fastidio peggiorano la situazione, privando la cute della necessaria protezione. Il fungo si diffonde rapidamente alla pianta e al dorso del piede, potendo arrivare a colpire anche la zona dell’inguine. Le lacerazioni della pelle emanano uno sgradevole odore che caratterizza la patologia.

PIEDE COPL’infezione può essere trattata con creme, spray, polveri, unguenti e lozioni a base di antimicotici e la terapia può essere abbinata all’impiego di prodotti che contrastano l’eccessiva sudorazione. Un aiuto può venire dai banconi dell’erboristeria (timo, lavanda, estratto di semi di pompelmo, propoli, aloe vera, calendula ecc). Per guarire dalle forme più gravi possono essere necessari corticosteroidi o antimicotici per via orale. Durante il trattamento anche le scarpe e i calzini possono essere trattati con polveri antifungine, mentre la biancheria e il pavimento, soprattutto del bagno e della doccia, dovrebbero essere lavati con varechina.

PIEDECome prevenire il piede d’atleta? Mantenete i piedi asciutti, soprattutto tra le dita, utilizzate materiali naturali (cotone, lana), cambiate calze e calzini regolarmente, due volte al giorno; evitate le calzature in materiale sintetico (es. vinile o gomma), acquistate un paio di scarpe di riserva (mai indossare lo stesso paio ogni giorno) , proteggete i piedi nei luoghi pubblici, indossando sandali o scarpe impermeabili nelle docce comuni, nei centri fitness, a bordo piscina ecc. Meglio evitare, inoltre, le abbuffate di dolci in quanto lo zucchero favorisce la crescita del fungo. Largo spazio, invece, alla verdura.