Salute: abusare di vitamine e integratori porta alla morte

Abusare di vitamine ed integratori senza che ci sia la comprovata necessità medica è una pratica altamente sbagliata per la salute, che può anche portare alla morte

Assumere troppi integratori, senza prescrizione medica, aumenta il rischio di morte. A lanciare l’allarme gli esperti della Regan Bailey del National Institutes of Health americano, che hanno condotto un attento studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, e i ricercatori della Jaakko Mursu dell’Universita’ della Finlandia orientale, che hanno esposto le loro tesi sulla rivista Archives of Internal Medicine.

I ricercatori hanno evidenziato come ormai queste vitamine ed integratori siano diventati erroneamente delle vere “star” nella concezione collettiva della società; must che non possono mancare nella dieta di ogni giorno e a cui bisogna sempre fare affidamento se si vuole vivere una vita sana. Niente di più sbagliato.

Gli studiosi infatti ricordano la pericolosità che si cela dietro l’assunzione di vitamine e integratori presi senza consultare il medico di fiducia; infatti l’unica regola d’oro da seguire è quella di assumere minerali e vitamine di cui abbiamo seguendo una buona dieta ben strutturata ed equilibrata, che sia adeguatamente variata e dalle giuste quantità. Le pillole devono essere prese solo in caso di qualche carenza accertata dal proprio medico o in particolari situazioni, ma sempre sotto stretto controllo medico.

Gli esperti ricordano che le vitamine più gettonate sono i multivitaminici, l’acido folico, la vitamina B6, magnesio, zinco e ferro. Le persone credono, sbagliando, che prenderle sia un’assicurazione sulla salute, e che in fondo così male non faccia. Al contrario gli studi condotti dagli esperti dimostrano che l’eccesso di vitamine è una pratica sbagliata che può condurre alla morte repentina.