Spazio: al via i test di qualifica dell’European Service Module

L’European Service Module fornito dall’ESA sta per essere sottoposto a una serie di verifiche ai sistemi di propulsione e al motore principale

Al via i test di qualifica per l’European Service Module, il modulo di servizio realizzato dall’Agenzia Spaziale Europea che sarà installato a bordo della capsula Orion.
Il modulo europeo – spiega l’Agenzia Spaziale Italiana – fornirà il sistema propulsivo, l’alimentazione elettrica, il controllo termico e gli elementi fondamentali per il sistema di sopravvivenza della capsula. I tecnici del NASA White Sands Test Facility, New Mexico stanno lavorando ai test di qualifica del sottosistema di propulsione, del motore principale e delle unità ingegneristiche che voleranno con Orion alla fine del 2018.
L’European Service Module realizzato da Thales Alenia Space Italia per conto dell’ESA fornirà la propulsione, l’alimentazione elettrica, il controllo termico e gli elementi chiave del sistema di sopravvivenza di Orion. Tutte elementi fondamentali per il viaggio che potrebbe portare le nuove generazioni di astronauti fin su Marte.
Il modulo di qualifica della propulsione, che verrà utilizzato durante i test, raggiungerà il centro del New Mexico alla fine dell’anno. Nel frattempo il motore principale è stato trasferito al Johnson Center di Houston per i test sulle vibrazioni: queste verifiche contribuiranno a garantirne la stabilità al momento del lancio. A test ultimati, il motore verrà fornito all’ESA per la fase di integrazione a bordo di Orion.
Il volo inaugurale di Orion prevede poi un viaggio di circa 64.000 chilometri oltre la Luna e il ritorno sulla Terra. Scopo di questo primo viaggio senza equipaggio  – della durata di tre settimane  – sarà testare le prestazioni della navicella  prima del suo utilizzo con astronauti a bordo e di qualificare lo Space Launch System.