Terremoto: boom di vendite di caciotte solidali a Milano, Lodi e Monza

Boom delle caciotte solidali in Lombardia: in tre giorni nei mercati di Campagna Amica a Milano, Lodi e Monza ne sono stati venduti 300 pezzi

Boom delle caciotte solidali in Lombardia. In tre giorni nei mercati di Campagna Amica a Milano, Lodi e Monza ne sono stati venduti 300 pezzi. Solo nella mattinata di oggi, sabato 17 settembre, al farmers’ market di via Ripamonti a Milano, ne sono state acquistate 120 in appena due ore. In pratica una al minuto. Un risultato positivo che arriva dopo quelli di Lodi, dove ieri ne sono state vendute oltre 100, e di Monza dove giovedì 15 settembre ne sono state distribuite 70 nonostante il maltempo che si è abbattuto sul mercato di viale Romagna. “Il nostro grazie va a tutti coloro che hanno voluto dare il proprio contributo – commenta Francesca Toscani, responsabile provinciale di Campagna Amica -. Il progetto promosso da Coldiretti vuole dare un aiuto concreto a chi si è trovato senza niente da un giorno all’altro e i cittadini lo hanno capito. Abbiamo venduto tutto il formaggio salva stalle che avevamo a disposizione“.

La caciotta solidale – spiega la Coldiretti interprovinciale – è fatta con il latte raccolto negli allevamenti terremotati del Centro Italia, è riconoscibile dalla speciale etichetta ‘Aiutaci ad aiutarli’, pesa 1,3 chili ed è venduta al prezzo di 10 euro nei mercati di Campagna Amica. L’intero incasso sarà devoluto alle aziende agricole danneggiate dal sisma. “L’obiettivo – spiega Alessandro Rota, presidente della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza – è quello di sostenere la ripresa delle attività agricole e la ricostruzione nelle campagne. In un territorio come quello colpito dal sisma, dove l’agricoltura gioca un ruolo fondamentale nel tessuto produttivo e sociale, far vivere le stalle significa far ripartire l’economia e l’occupazione“. Se ci saranno le condizioni, continua Francesca Toscani “non escludiamo di organizzare altre giornate“. L’iniziativa è resa possibile da una rete di solidarietà coordinata dalla Coldiretti con la collaborazione della cooperativa Grifo latte che nonostante le difficoltà ha garantito continuità nel ritiro e nella trasformazione del latte mentre l’Associazione italiana allevatori (Aia) sulla base delle richieste ha consegnato carrelli per la mungitura e generatori di corrente e i Consorzi agrari d’Italia (Cai) sono impegnati a fornire cibo per l’alimentazione degli animali. Inoltre, per consentire ad agricoltori, cittadini, strutture economiche e cooperative lungo tutta la Penisola di collaborare in questa azione di solidarietà è stato aperto uno specifico conto corrente denominato ‘Coldiretti pro-terremotati‘ (IBAN: IT 74 N 05704 03200 000000127000) dove indirizzare la raccolta di fondi