Terremoto, Errani: “Lo Stato darà una risposta, ricostruiremo tutto meglio di prima”

Terremoto: “Lo Stato darà una risposta ai danni e attraverso un impegno di riqualificazione ricostruiremo tutto e meglio di prima”

LaPresse/Settonce Roberto

“Lo Stato darà una risposta ai danni e attraverso un impegno di riqualificazione ricostruiremo tutto e meglio di prima”. Lo ha detto il Commissario straordinario alla ricostruzione, Vasco Errani, in un’ ampia intervista a Tv2000 all’interno dello speciale a cura della redazione del Tg2000 in onda domani, 23 settembre 2016, in diretta da Amatrice alle ore 21. Errani ha sottolineato anche di non avere “la bacchetta magica. Non sono qui per fare promesse o cercare consensi per altre ragioni. Sono qui per un compito istituzionale”. Il Commissario, durante lo speciale del Tg2000 a un mese dal sisma che ha colpito Lazio e Marche, ha ribadito che è necessario “impegnarci per riattivare anche le attività economiche, nei provvedimenti del governo infatti ci saranno anche risposte in questo senso. Sono territori in cui la ripresa economica deve andare di pari passo con i processi di ricostruzione abitativa”. “Ora – ha ricordato Errani – stiamo gestendo ancora la fase della prima emergenza e il primo obiettivo è chiudere i campi tenda e dare una risposta ai cittadini che hanno le case inagibili. Stiamo utilizzando diversi strumenti come alberghi o case agibili nelle vicinanze” sempre “in dialogo con sindaci e cittadini per trovare un equilibrio. Stiamo lavorando per costruire, dove è necessario, le soluzioni per le residenze e le abitazioni delle cosiddette ‘casette’. Dopo si comincerà con la ricostruzione: nei centri storici dovremmo fare una programmazione urbanistica, ricostruiremo la loro identità”.

Le verifiche di agibilità – ha proseguito Errani – sono state già avviate in modo robusto in tutte le realtà del territorio colpito. Crescono le domande di richiesta di verifica e risponderemo nelle prossime settimane a tutte le richieste. Troveremo anche la data in cui queste verifiche si concluderanno rispondendo alle richieste di cittadini, istituzioni pubbliche e autorità religiose. Vogliamo ricostruire i beni culturali e riconsegnare i luoghi di culto per riuscire a dare una prospettiva al territorio. Daremo una risposta adeguata e con i sindaci ci confronteremo nel merito di tutte le scelte perché è giusto che tutte le istituzioni siano pienamente coinvolte”.

Per la ricostruzione – ha aggiunto Errani – troveremo i soggetti adeguati per assicurare fino in fondo la legalità, la trasparenza e il contrasto alle infiltrazioni che rappresentano un obiettivo prioritario del processo di ricostruzione”. Il Commissario ha infine rivolto un auspicio in merito ad una legge organica sulle emergenze: “Se riuscissimo a fare bene potremmo dare un contributo affinché il Paese si doti di una legislazione con linee guida che sia in grado di consentire che non si ricominci da capo, quando, speriamo mai, in futuro dovessero accadere altre tragedie di questo tipo”.