Terremoto magnitudo 4.1 nel Centro Italia, esperto INGV: “Non si esclude una scossa più forte”

"Le repliche di questa notte sono ordinaria amministrazione dopo un terremoto di magnitudo 6.0"

Dopo il forte terremoto magnitudo 4.1, registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) alle 01:34 a 4 km da Accumoli, nelle ore successive sono seguite numerose repliche, che hanno interessato l’area già colpita dal sisma dal 24 agosto. Le repliche con magnitudo superiore a 3 sono state rilevate soprattutto nella zona a nord, verso Norcia, di cui due di magnitudo 3.1 e 3.4 alle 05:30, e un’altra alle 03:20, di magnitudo 3.2 in provincia di Rieti. “Le repliche di questa notte sono ordinaria amministrazione dopo un terremoto di magnitudo 6.0. E’ abbastanza comune che si susseguano delle scosse cosi’ per qualche tempo. Non e’ da escludere che ce ne possa essere una piu’ forte, ma queste repliche sono importanti perche’ non ci fanno abbassare la guardia,” ha dichiarato Salvatore Mazza, neodirettore del Centro nazionale terremoti INGV. Nella notte complessivamente sono state “localizzate circa 84 scosse di cui cinque con magnitudo superiore a 2.0, e tre superiori a 3.0, oltre a quella di magnitudo 4.1“.