Terremoto, Renzi: “Gestiamo la ricostruzione senza promesse e show”

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, fa il punto sulla ricostruzione delle aree colpite dal Terremoto

LaPresse/Reuters

Stiamo gestendo con un atteggiamento molto serio la ricostruzione, senza promesse, senza show, senza effetti speciali per una realtà molto difficile, ma che noi vogliamo ricostruire come prima e più bella di prima. Il ragionamento di Casa Italia invece è più complesso, perché vuole creare un cambio di mentalità da qui a 15 anni nel modo di concepire le costruzioni, la pianificazione urbanistica, nel modo di prevenire alcuni eventi, nel modo di tenere insieme efficentamento energetico, miglioramento e adeguamento sismico e innovazione ambientale“. Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, facendo il punto sulla ricostruzione delle aree colpite dal Terremoto del 24 agosto a Palazzo Chigi. “Questo pacchetto richiede uno sforzo molto significativo, infatti sono due strutture diverse“, ha aggiunto. “Questo progetto avrà stasera una determinazione in Consiglio dei ministri, poi avrà un decreto legge nei prossimi giorni, per evitare che si faccia un collage di interventi, ma ci prendiamo del tempo in più per fare un’analisi complessiva e unitaria senza doverci tornare ancora, e avrà poi il percorso indicato da Errani“, ha sottolineato Renzi.