Terremoto, sindaco di Amatrice: “l’economia deve ripartire, la ricostruzione non può attendere”

"Dobbiamo fare in modo che a Pasqua ci sia la rinascita di Amatrice e delle sue 54 attività commerciali a 200-300 metri dal centro"

LaPresse/Mario Sabatini

Bene la ricostruzione. Sono sicuro che Amatrice tornerà quella di prima ma noi abbiamo bisogno, ora, rapidamente, di far ripartire la nostra economia“. Lo ha detto il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, commentando le parole del premier Renzi. “Dobbiamo fare in modo – ha aggiunto il sindaco – che a Pasqua ci sia la rinascita di Amatrice e delle sue 54 attivita’ commerciali a 200-300 metri dal centro. Questo – ha aggiunto Pirozzi – mentre aspettiamo la ricostruzione. Il tessuto economico era la forza del nostro comune, avevamo 1200 posti letto e l’economia si stava riprendendo. La vera partita e’ questa,altrimenti diventiamo il paese del presepe, un luogo dove venire solo per farsi un selfie davanti alle macerie. Morira’ tutto se non accade nulla prima della ricostruzione. Spero – ha concluso il sindaco di Amatrice – che il presidente Renzi e il commissario Errani condividano questa priorità“.