Terremoto, Umbria: le scosse non fermano i produttori del Sagrantino

Il terremoto non ferma la volontà delle aziende umbre di continuare a lavorare, soprattutto per un prodotto unico del territorio locale, come il vino Sagrantino Docg

Il terremoto non ferma la volontà delle aziende umbre di continuare a lavorare, crescere e vendere in Italia e all’estero. Soprattutto in riferimento ad un prodotto unico del territorio locale, come il vino Sagrantino Docg. A Montefalco (Perugia), pur nelle difficoltà del presente e con le ripercussioni drammatiche – in termini turistici, per l’Umbria meridionale, provocate dalla fuga dei villeggianti e dalle cancellazioni delle prenotazioni causate dalla paura delle scosse, e’ partita regolarmente anche quest’anno “Enologica“, l’expo che celebra uno vini piu’ rappresentativi del panorama nazionale e internazionale. Grazie al Consorzio di tutela dei Vini Montefalco e al Comune locale, 27 aziende dell’area vocata per questo prodotto tra i piu’ apprezzati dagli appassionati nel mondo, hanno messo in piedi anche quest’anno e fino a domani, domenica 18 settembre, una manifestazione con un ricchissimo programma di eventi.

Oltre a degustazioni e abbinamenti dei vini con tutti i prodotti di eccellenza dell’Umbria – cioccolato in testa – sono in calendario mostre, documentari sull’olio, rassegne, concerti, showcooking e altro. In un connubio tra vino, arte e sostenibilita’ ambientale che rappresenta il must dell’evento 2016, e che non dimentica di essere solidale con le popolazioni colpite dal sisma. Parte dei fondi raccolti dalle imprese con Enologica, verranno infatti destinati al sostegno dei bisogni degli sfollati di Amatrice , Accumoli e Pescara del Tronto, i tre paesi tra Lazio e Umbria che hanno subito le maggiori devastazioni e la perdita di 295 persone.