Trasporti, ministero: calati del 33% gli incidenti in mare dal 2007 al 2015

Andamento declinante nel numero di incidenti in mare: dai 349 sinistri osservati nel 2007 ai 232 sinistri rilevati nel 2015

Andamento declinante nel numero di incidenti in mare: dai 349 sinistri osservati nel 2007 ai 232 sinistri rilevati nel 2015, con un decremento del -33,52% rispetto al valore del 2007, al quale si è accompagnata una parallela riduzione nel numero dei decessi (25 decessi ogni 100 sinistri nel periodo 2007-15) e ferimenti a seguito dei sinistri marittimi. E’ quanto riprota il ‘Rapporto sui sinistri marittimi 2015‘ pubblicato dal ministero dei Trasporti. La diminuzione è però meno evidente comparando i dati assoluti rispetto alla consistenza della flotta complessiva di riferimento: si riscontra, infatti, che in realtà gli indici di incidentalità sembrano osservare un trend più o meno uniforme, quando non si evidenzia perfino un loro incremento nel corso degli ultimi anni, per specifiche tipologie navali. Gli altri principali dati sono: riduzione del 25,64% degli incidenti rispetto al valore dell’anno precedente 2014; minor numero di decessi a seguito di sinistri marittimi (-64% nel 2015 rispetto al corrispettivo valore assunto nel 2007); 25 decessi ogni 100 sinistri nel periodo 2007-2015; diminuzione numero di navi coinvolte in sinistri (del 35,45% nel 2015 rispetto al valore del 2007); principali tipologie di sinistro marittimo più frequenti: l’affondamento dell’unità navale 21,13%, la collisione 20,61% e l’urto 17,41.