Turismo, Repubblica Dominicana: appuntamento con NO FRILLS

La Repubblica Dominicana continua ad essere una destinazione molto amata e scelta da milioni di persone in tutto il mondo

Dal 29 al 30 settembre l’Ente del Turismo della Repubblica Dominicana (Stand A13) rinnova la sua partecipazione a No Frills di Bergamo, uno degli eventi più significativi business to business per il mercato turistico italiano. Questa fiera rappresenta un’interessante piattaforma di aggiornamento sui trend turistici ma anche un’occasione di incontro con buyer e seller nazionali e internazionali.

La Repubblica Dominicana continua ad essere una destinazione molto amata e scelta da milioni di persone in tutto il mondo per le proprie vacanze non solo per la sua bellezza ma anche per la diversità della sua offerta. I dati degli arrivi globali da gennaio ad agosto lo confermano, registrando ben 3.619.147 visitatori (turisti non residenti), ovvero un +6,63 rispetto al 2015. L’Italia è in Europa il 6° mercato con 54.383 visitatori fino ad agosto, dopo Germania, Francia, Spagna, Inghilterra e Russia.

In merito alle novità di promozione, il focus dell’Ente per i prossimi mesi ritorna su Samanà, nella parte nord est dell’isola, data la conferma anche per il prossimo anno del volo diretto dall’Italia alla penisola operato da Neos AIR a cura di Francorosso / Alpitour. Samanà è infatti un’area del paese molto interessante, non solo per l’offerta mare, ma anche per le attrazioni naturalistiche, sportive e culturali e per le diverse soluzioni legate all’ospitalità. Questo collegamento è molto importante perché permetterà di intercettare nuovi target di viaggiatori, ovvero coloro che amano viaggiare alla scoperta di zone meno turistiche e che scelgono soluzioni di ospitalità alternative al classico resort.

In generale si continuerà comunque a promuovere anche le altre aree del paese in quanto ciascuna è in grado di offrire diverse esperienze: Puerto Plata e Cabarete per le tante attrazioni naturalistiche e sportive, Punta Cana per l’offerta lusso con i suoi boutique hotel e i campi da golf, La Romana e Bayahibe le zone dei grandi numeri che accolgono la maggior parte dei turisti italiani per la presenza di villaggi e di numerose attrazioni per le famiglie, la capitale Santo Domingo per l’aspetto culturale e la vita notturna, il sud ovest per le aree incontaminate e selvagge e le specie rare di flora e fauna, Jarabacoa per le sue montagne, fiumi e i parchi naturali.

L’obiettivo è riuscire a raggiungere molteplici tipologie di visitatori nel paese afferma Neyda Garcia, Direttrice dell’Ente del Turismo della Repubblica Dominicana in Italia – ovvero le famiglie, le coppie, i millennials, gli honeymooners, gli amanti della cultura, dello sport e della vacanza attiva e il segmento MICE, in quanto la nostra è una destinazione che incontra le esigenze di tanti – ha così concluso Garcia.

Un tema importante è senza’altro il Mice che inizia ad avere ottimi risultati. Questo grazie a tutte le iniziative sviluppate in questi ultimi anni, quali ad esempio il ‘Dominican Mice Club’ in collaborazione con HTMS: un’iniziativa esclusiva rivolta ai top clients delle agenzie MICE di primaria importanza sul territorio nazionale che ha previsto eventi tematici in partnership con le principali agenzie MICE e dei loro top clients. E’ stato anche creato un sito in italiano interamente a supporto degli operatori professionali ed event manager per favorire l’organizzazione di eventi corporate in Repubblica Dominicana. Una vetrina del Paese e di tutti gli ingredienti per un evento MICE di successo: le strutture ricettive di alto profilo, gli eventi imperdibili, una selezione di escursioni e le numerose attività di team building. In più il Ministero del Turismo in collaborazione con la TAU – Travel Agent University ha da poco creato un nuovo corso di formazione online per il segmento Mice disponibile sulla pagina istituzionale in inglese godominicanrepublic.com.