Venezia, Mose: test alle paratoie, problemi in reimmersione e di allineamento al fondale

Il Mose conferma i problemi di alcune paratoie che, a causa dell'accumulo di sedimenti, non si allineano al fondale in fase di riaffondamento dei cassoni

Il Mose conferma i problemi di alcune paratoie che, a causa dell’accumulo di sedimenti, non si allineano al fondale in fase di riaffondamento dei cassoni. Ieri i tecnici del Consorzio Venezia Nuova hanno eseguito un nuovo test di sollevamento dell’intera schiera, dopo quello svolto a maggio, alla bocca di porto del Lido, sul lato Treporti, per verificare il problema dell’accumulo di sabbia negli alloggiamenti. E come previsto – spiega il Cvn in una nota – nella fase di reimmersione alcune paratoie, verso il lato di Treporti, non si sono perfettamente allineate al fondale.

La movimentazione era iniziata in mattinata: il sollevamento e’ avvenuto per gruppi di quattro paratoie, in un arco di 40 minuti; le 5 centrali sono state sollevate per ultime. La barriera e’ rimasta completamente emersa dalle 10 alle 11.30, rispondendo in sostanza allo scopo principale del sistema, quello di opporsi all’aumento di marea.

Contemporaneamente con il cambio di marea sono state abbassate alcune paratoie per permettere il riequilibrio idrodinamico. Secondo i tecnici, il test ha avuto “esito soddisfacente dal punto di vista dell’operativita’ del sistema e delle indagini eseguite“, cioè il rilievo batimetrico con tecnologia di dettaglio e il prelievo di campioni di sedimenti. Il problema ora sarà scegliere i metodi e le tecnologie più consone per l’eliminazione dei sedimenti, cosa che avrà conseguenza sui costi della futura manutenzione.