Giannini: siamo pronti ad investire su istruzione, ricerca e capitale umano

Previsti finanziamenti per portare avanti il progetto della Buona Scuola e rilanciare la ricerca universitaria: ecco le dichiarazioni del Ministro Giannini

“Questa manovra è la conferma che da subito abbiamo investito nel capitale umano”. Lo afferma il ministro dell’Istruzione, Università Stefania Giannini in una intervista all’Unità. E precisa: “Ci sono 300 milioni per l’attuazione delle deleghe della Buona Scuola, 200 solo per quella 0-6 anni con la riforma di nidi e scuola dell’infanzia. E poi 200 milioni per la trasformazione dell’organico di fatto in organico di diritto, con la conseguente assunzione di altre migliaia di insegnanti anche se i numeri concreti li vedremo più avanti. Comunque un passaggio centrale, anche per i sindacati”.

Evidenzia inoltre che “con 7 miliardi e 323 milioni sul 2017/18, dopo sette anni il bilancio per gli atenei italiani torna positivo, con il ripristino dei fondi tagliati. Abbiamo concentrato le risorse su qualità e reclutamento dei giovani, sulla scia della scorsa legge Stabilità. Le novità stanno in particolare in 45 milioni di fondo premiale per la ricerca di base ad atenei che l’hanno incrementata. E nei 271 milioni destinati per la prima volta alle eccellenze dei singoli Dipartimenti, da assegnare sulla base della valutazione della ricerca già nota: a beneficiarne saranno 180 realtà, una quota dei fondi sarà destinata in modo obbligatorio all’assunzione di ricercatori. Altri 100 milioni, nell’ambito del piano per Industria 4.0, vanno alla creazione di laboratori aperti a aziende e atenei in cui fare ricerca applicata e formazione dei manager, a supporto di una manifattura avanzata, con una governance esterna attraverso una Fondazione. Un intervento grazie a cui puntiamo di raddoppiare nel prossimo triennio il numero degli studenti degli istituti tecnici”.