La Valle dei Templi, un parco archeologico senza eguali: un tuffo nel passato

Nella suggestiva Valle dei Templi è ubicato uno tra i maggiori complessi archeologici del Mediterraneo

Dici Agrigento e pensi subito alla suggestiva Valle dei Templi, dove è ubicato uno tra i maggiori complessi archeologici del Mediterraneo, immerso in un paesaggio agricolo di rara bellezza prevalentemente costituito da ulivi centenari e mandorli.

Il territorio fu abitato fin dalla preistoria, ma è solo intorno al 582 a.C. che nasce la colonia di Akràgas ad opera di un gruppo di Geloi (a cui si erano uniti coloni provenienti dalla metropolis Rodi), guidati dagli ecisti Aristinoo e Pistilo.

Inizia così la storia di una delle più importanti colonie greche della Sicilia che si appresta a compiere oltre 25 secoli d’età.

Dalla fondazione della polis greca, all’epoca romana e bizantina, dalla Kerkent araba alla Gergent normanna, dal periodo medievale alla città spagnola e borbonica, dal risorgimento ai giorni nostri la città dei Templi ha attraversato alterne vicende.

Divenuta una delle poleis più estese del mondo Mediterraneo, mostra oggi un maestoso e glorioso passato grazie ai resti dei templi dorici che un tempo cingevano e dominavano l’antica città; molte antiche vestigia restano ancora intatte sotto i mandorli e ulivi secolari. Gli scavi archeologici susseguitisi nel corso degli anni gettano nuova luce sulla vita della città, non solo di età greca, ma anche di età tardo-ellenistica e romana e sulle pratiche di sepoltura dei suoi primi abitanti della primissima era cristiana.

Patrimonio dell’UNESCO

Valle dei TempliNon è un caso che dal Novembre del 1997 la zona archeologica di Agrigento è stata inserita dall’Unesco nella Lista del Patrimonio dell’Umanità.

Arte storia e natura hanno reso questo posto famoso fin dall’antichità, prima con gli scrittori di età classica quali Pindaro, Polibio, Diodoro Siculo, poi con storici e topografi del XVI e XVII sec. quali Fazello e Cluverio per finire con artisti e viaggiatori dell’800 come Houel, Denon, Brydone e sopra tutti Goethe che hanno lasciato ai posteri pagine memorabili del Gran Tour, che aveva in Agrigento e nella sua valle la tappa più evocativa.

Luogo e territorio

Agrigento-Valle-dei-TempliEstesa circa 450 ettari, sorge a circa tre km dal mare, sulla sommità di due colline, il Colle di Girgenti e la Rupe Atenea e sul prospiciente altopiano affacciato sul mare chiamato Collina dei Templi e l’ampia valle centrale quasi pianeggiante, l’odierna Valle dei Templi dove per secoli si sviluppò il centro nevralgico dell’antica colonia greca. La conformazione dell’altopiano, scosceso a Nord e delimitato ai lati dai fiumi Akragas e Hypsas confluenti a Sud in un unico corso alla cui foce era l’antico porto (emporion), ne resero un sito naturalmente protetto.

Il territorio, noto già ai mercanti micenei per essere punto d’approdo lungo la rotta verso il Nord Africa e l’Occidente, era considerato strategico per i Rodii e i Cretesi che, dalla loro conoscenza del territorio agrigentino, frutto di precedenti frequentazioni, avevano già lasciato tracce attraverso le vicende della saga di Dedalo e Minosse in Sicilia. Le testimonianze mitologiche sono state confermate dai recenti ritrovamenti archeologici. La scelta del momento storico, invece, appare dettata dal tentativo dei Geloi di contrastare l’espansione verso oriente dei Megaresi di Selinunte.

Il Parco Archeologico e paesaggistico

VALLE TEMPLI1 - CopiaIstituito nel 2000, include le aree archeologiche che già sottoposte a tutela nel 1997 dichiarate Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Il termine Valle dei templi è relativo al territorio circostante la Valle e la collina, la città arcaica e classica, poi romana e paleocristiana, interessando anche le necropoli e i santuari fuori dalla cinta muraria, un’area nella quale le valenze ambientali e naturalistiche si fondono con i monumenti archeologici, i templi, l’agorà superiore e inferiore, la complessa rete di acquedotti metropolitani, le necropoli e i complessi ipogeici.

Per saperne di più sulla Valle dei Templi, vi consigliamo di visitare il sito siciliabella.eu, un portale dedicato alla Sicilia che tratta e approfondisce aspetti storici, culturali e artistici della meravigliosa isola.