Le Università di Milano e Trento finanziano la ricerca su case in legno antisismiche

Studiare il comportamento delle strutture di legno, con particolare attenzione alla resistenza sismica, verificare le potenzialita’ degli edifici a tecnologia mista, della prefabbricazione e delle sopraelevazioni realizzate con tecnologie costruttive in legno, favorire lo sviluppo di linee guida e l’aggiornamento degli strumenti normativi. Questi, in sintesi, gli obiettivi dei due nuovi dottorati di ricerca che Assolegno e Federlegno Arredo Eventi hanno deciso di sostenere presso il Politecnico di Milano e l’Universita’ di Trento (quest’ultima con il supporto dell’associazione austriaca ProHolz Austria). “Il binomio impresa e ricerca come garanzia di crescita e sviluppo e’ parte integrante del mondo delle costruzioni a base legno – spiega Roberto Snaidero, presidente di Federlegno Arredo Eventi – Per questo abbiamo deciso di finanziare due borse di studio che consentiranno di aprire nuovi e promettenti orizzonti nell’edilizia in legno, un settore che vede le nostre aziende sempre piu’ protagoniste in Italia e nel mondo”. “L’accordo con il Politecnico di Milano e con l’Universita’ di Trento – aggiunge Emanuele Orsini, presidente di Assolegno – va nella direzione di assicurare al nostro Paese professionisti competenti e responsabili con lo scopo di dare vita a soluzioni costruttive sicure, resistenti al sisma e in grado di ridurre al minimo il consumo di suolo”.