Reumatismi: cause, sintomi, diagnosi, cura e rimedi naturali

I reumatismi, differenti tra loro per sintomi e causa, colpiscono un gran numero di persone al mondo. Ecco come riconoscerli e prevenirne l’insorgenza

Le malattie reumatiche o reumatismi accorpano un gran numero di patologie, differenti tra loro sia per sintomi che per causa. Esse, che interessano essenzialmente articolazioni, ossa e muscoli, ma possono riguardare anche organi e tessuti.

Secondo il SIR (Società italiana di reumatologia) si suddividono in 13 gruppi: artriti primarie, artriti da agenti infettivi, artropatie da microcristalli e dismetaboliche, artrosi primarie e secondarie, connettiviti e vasculiti, affezioni dolorose non traumatiche del rachide, reumatismi extra-articolari, sindromi neurologiche, neurovascolari e psichiche, neoplasie articolari e tendinee, malattie dell’osso, altre malattie con possibili manifestazioni reumatologiche, miscellanea.

CAUSE: possono risultare da processi infiammatori (es. artrite) e malattie reumatiche di tipo degenerativo ad andamento cronico (es.artrosi). Il disturbo si può riscontrare in presenza di spondilite anchilosante, artropatia psoriasica, connettiviti, sindrome fibromialgica e febbre reumatica.

REUMATISMI 1I reumatismi possono anche essere di origine metabolica, come nel caso di gotta, condrocalcinosi (o pseudogotta), obesità e diabete. Tra le possibili cause rientrano, inoltre, osteomieliti, necrosi avascolare, emartro (spontaneo, post-traumatico o secondario a coagulopatie), osteonecrosi e fratture. Le patologie periarticolari che possono provocare dolori reumatici comprendono borsiti, tendiniti, epicondiliti, fasciti e tenosinoviti. Altre malattie che possono manifestarsi con reumatismi sono polimiosite/dermatomiosite, sclerosi sistemica (sclerodermia), sindrome di Sjögren e polimialgia reumatica

SINTOMI: Per imparare a riconoscere le malattie reumatiche, occorre prestare attenzione ai seguenti sintomi: dolore e gonfiore alle articolazioni delle mani e/o dei polsi che persiste da più di 3 settimane; rigidità articolare che dura da più di 1 ora al mattino, dopo il risveglio; gonfiore improvviso, associato o meno a dolore e arrossamento locale, di una o più articolazioni in assenza di trauma;nel giovane: dolore di tipo sciatico fino al ginocchio che va e viene, cambiando anche di lato, che aumenta durante il riposo notturno e si attenua con l’attività fisica; sbiancamento delle dita delle mani all’esposizione al freddo o per variazioni climatiche o per emozioni.

REUMATISMI COPE ancora, sensazione di secchezza o di sabbia negli occhi, associata a secchezza della bocca e a dolori articolari o muscolari; arrossamento al viso, su naso e guance o attorno agli occhi, peggiorato dall’esposizione solare anche lieve e associato a dolori articolari; nell’ultracinquantenne: improvvisa comparsa di dolore ad entrambe le spalle, con impossibilità di pettinarsi o allacciare il reggiseno, ed alle anche con difficoltà ad alzarsi da una poltrona, specie se accompagnato da mal di testa e calo di peso; nella donna in post-menopausa o nel paziente che assume cortisone: dolore improvviso alla schiena particolarmente dopo uno sforzo o il sollevamento di un peso;nei soggetti affetti da psoriasi o con familiari affetti da psoriasi: comparsa di dolore alle articolazioni o alla colonna vertebrale o al tallone.

REUMATISMI COP 1DIAGNOSI: I reumatismi possono essere difficili da diagnosticare perché molte patologie causano rigidità articolare e infiammazione. Ad ogni modo ci sono dei test che si possono effettuare, come: esami del sangue, esami delle urine, esami del liquido sinoviale, radiografie, ecografie articolari, TAC, risonanza magnetica, artroscopia, capillaroscopia.

CURA E RIMEDI NATURALI: I farmaci prescritti dipendono dal tipo di malattia reumatica e dalla situazione specifica del paziente. Fra i più utilizzati sono inclusi analgesici, antiinfiammatori, corticosteroidi, DMARDs (anche detti “farmaci di fondo”) e farmaci biologici.

REUMATISMI 2 Oltre ai farmaci, la terapia prevede un’attività fisica regolare, un’alimentazione bilanciata, la riduzione dei fattori di stress, il riposo, la protezione solare. Tra i rimedi naturali: idroterapia e balneoterapia, Sali di Schüssler, fitoterapia (es. foglie di aglio orsino, foglie di betulla, equiseto sotto forma di lavaggi e tisane, tisana di corteccia di salice, infuso di radice di artiglio del diavolo ecc), omeopatia, scelta in base alla propria situazione patologica con l’aiuto di un omeopata, integratori vitaminici e minerali, digitopressione, oli essenziali per uso esterno (es. di arnica, abete rosso, iperico, ortica e menta).