Ricerca, Mattarella: “Dobbiamo far rientrare i talenti in Italia”

Mattarella, sulla ricerca: "Ogni settore del nostro Paese è chiamato a essere fonte di ispirazione e avvicinamento alla cultura italiana"

“Ogni settore del nostro Paese è chiamato a essere fonte di ispirazione e avvicinamento alla cultura italiana e non possono mancare, in questa direzione, iniziative tese alla attrazione di talenti in Italia, insieme a quelle dirette al rientro dei talenti italiani che hanno visto crescere le loro competenze all’estero”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, concludendo gli Stati generali della lingua italiana a Firenze nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. “Il mondo della scienza e della ricerca viene interpellato per primo in questo senso – ha osservato il capo dello Stato – Ma, alla base di tutto, vi è, naturalmente, la necessità di un ampliamento della conoscenza della lingua italiana”.

Nel corso del suo intervento, il presidente Mattarella ha anche affermato: “Le industrie del nostro Paese che hanno puntato sulla internazionalizzazione hanno recato e recano un contributo fondamentale alla causa della nostra cultura e della nostra lingua, esprimendo quella civiltà e quell’umanesimo del lavoro che costituisce tanta parte del nostro bagaglio”.