A San Martino, tra caldarroste e vin brulè, prosegue la sagra della castagna e del Fungo Porcino

Parte subito col botto la Sagra della Castagna e del Fungo Porcino a San Martino al Cimino, evento alla ventinovesima edizione organizzato dalla Proloco

Parte subito col botto la Sagra della Castagna e del Fungo Porcino a San Martino al Cimino, evento alla ventinovesima edizione organizzato dalla Proloco per promuovere e valorizzare i due più apprezzati frutti dell’autunno con una serie di iniziative specifiche. Il primo weekend della festa ha registrato un grandissimo numero di visitatori, attratti dal ricco programma, goloso sia dal punto di vista delle specialità in degustazione sia da quello più prettamente tecnico e culturale.

Previste infatti, oltre ai consueti momenti di folclore, anche delle interessantissime parentesi di approfondimento, con l’intervento di esperti e studiosi su temi di attualità.

Nello scorso fine settimana, al riguardo, si sono susseguite due conferenze che hanno suscitato un vivace dibattito.

La prima sulla castanicoltura ha visto la presenza del dott. Vannini e la partecipazione di un relatore d’eccezione, il consigliere regionale Riccardo Valentini, la seconda ha offerto, invece, un’interessante panoramica su “I funghi della Tuscia”.

Sabato 22 ottobre alle 16 il focus in programma in Piazza Mariano Buratti sarà “L’aratro, presenza cistercense del territorio medievale nel Viterbese”.

Il programma della sagra inizia però già dalla mattina con una serie di attività: la distribuzione di caldarroste e vin brulè, l’apertura del Museo dell’Abate (permanente) degli stand gastronomici della Proloco e del parco giochi per bambini in piazza Piccolomini.

Nel pomeriggio, a partire dalle 15,spettacolo di balli caraibici ed apertura della Giostra ecologica in piazza Nazionale, dove i più piccoli potranno cavalcare e socializzare con i pony.

Dalle ore 17 l’unità cinofila, con la partecipazione del conosciutissimo golden retriever Osvaldo, simulerà una ricerca sotto le macerie, a seguire esibizione della band Mad Mood, dei mangiafuco e, alle 21.30 live di Simone Gamberi.

Domenica 16 ottobre, alle 10.30 esibizione della Compagnia Balestrieri-città di Amelia, tiro con la balestra nel chiostro della chiesa, mercatini artigianali e Mercascuola.

Nel pomeriggio sfilata – raduno delle 500, giochi della tradizione con Legno Mania, corteo storico e sbandieratori de La Contesa, laboratorio creativo per bambini con i prodotti del bosco.

Dalle 17,30 l’allegra sfilata in musica per le vie del paese dei Lastofunky.

Chiuderà la sagra l’esibizione, in serata, del gruppo “La banda R&B”.

Sia sabato sera che domenica saranno aperti gli stand della proloco dove gustare ottime pietanze a base di castagne e funghi porcini, mentre assolutamente da non perdere, le deliziose caldarroste preparate in piazza all’interno di enormi padelloni ed accompagnate da piacevole vin brulè.

L’aspetto enogastronomico della manifestazione sarà curato anche dai rinomati ristoranti di San Martino che, in occasione della sagra, proporranno menù ad un prezzo convenzionato.

Per info: sanmartinoproloco@gmail.com