Sanità, Lorenzin: “Le truffe fanno schifo, mettono in pericolo la vita delle persone”

Truffe nella sanità: "migliorare ancora la preparazione di carabinieri dei Nas, un corpo che ci invidiano in tutto il mondo, è per noi un impegno importante"

LaPresse / Roberto Monaldo

Le truffe sono sempre orribili ma in sanità, dobbiamo dirlo, fanno schifo, perché mettono in pericolo la vita delle persone. Uccidono“. Per questo “migliorare ancora la preparazione di carabinieri dei Nas, un corpo che ci invidiano in tutto il mondo, è per noi un impegno importante“. Lo ha spiegato la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, alla presentazione del primo corso di formazione di livello universitario per i carabinieri della salute, inaugurato oggi all’Università romana di Tor Vergata, messo a punto dall’ateneo in collaborazione con il dicastero. “Si tratta di un corso straordinario – ha spiegato Lorenzin – quasi un master, che ha due fasi: sul campo e in aula, che comporterà un’ulteriore specializzazione dei Nas, già oggi un corpo straordinario a livello mondiale. Vogliamo andare verso una maggiore specializzazione sul fronte del contrasto alle frodi nel settore sanitario, sia per frodi scientifiche, sia contraffazioni di farmaci e alimenti, sia gestione di Asl e ospedali e quant’altro“. Una necessità legata anche alla ‘velocità’ con cui oggi viaggia il progresso scientifico. “Per noi la formazione – aggiunge Lorenzin – è importante perché il cambio di passo della scienza porta a una iper specializzazione anche di chi vuole truffare. E per questo la conoscenza di chi contrasta la frode deve essere maggiore. I Nas oggi sono mille. Mille carabinieri specializzati. E non bastano mai” .