Spazio: l’ultima FOTO della sonda Rosetta, a 20 metri dalla “sua” cometa

Ecco l'ultima foto scattata dalla sonda Rosetta, prima di impattare sulla cometa 67P

Copyright: ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

Ecco l’ultima foto scattata dalla distanza di soli 20 metri dalla sonda Rosetta, è l’ultima immagine inviata prima di toccare il suolo della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. Nonostante non sia del tutto nitida, è ben visibile la superficie ghiaiosa della regione Ma’at, sul più piccolo dei due lobi della cometa, sito di “atterraggio” prescelto. Lo scatto, come le altre foto inviate da Rosetta prima dell’impatto, è opera dalla fotocamera Osiris (Optical, Spectroscopic, and Infrared Remote Imaging System), alla cui progettazione ha contribuito anche l’Italia, con l’universitàdi Padova attraverso il Centro di Ateneo di Studi e Attivita’ Spaziali ‘Giuseppe Colombo'(Cisas). Le altre fotografie diffuse dall’Esa sono state invece scattate da distanze maggiori, comprese tra 16 chilometri e 1,2 chilometri, e sono altrettanto spettacolari: mostrano burroni vertiginosi, pozzi, gole, e la superficie rugosa e ricca di ciottoli. Le immagini non sono state ancora pienamente analizzate.