Aerospazio, Russia: “Via libera alla costruzione dei lanciatori che conquisteranno la Luna”

La Russia svilupperà dei nuovi lanciatori per costruire una stazione lunare, lo ha affermato oggi Dmitrij Rogozin, durante un incontro con i vertici dell'azienda aerospaziale moscovita Energia

La Russia svilupperà dei nuovi lanciatori per costruire una stazione lunare. Lo ha affermato oggi Dmitrij Rogozin, responsabile dell’industria militare e vice primo ministro della Federazione russa, durante un incontro con i vertici dell’azienda aerospaziale moscovita Energia. “Seguendo le istruzioni del presidente Putin, – ha affermato Rogozin – abbiamo deciso di lanciare un progetto finalizzato alla costruzione di un super lanciatore che abbia straordinarie capacita’ di carico. Questo passo è di fondamentale importanza per la costruzione di una stazione di ricerca lunare, che sia visitabile e abitabile”. Non e’ la prima volta che le autorita’ russe puntano verso la luna e soprattutto, verso la costruzione di razzi finalizzati al trasporto di ingenti quantità di materiale: in autunno 2014 il governo aveva autorizzato la fase di progettazione dei nuovi lanciatori, ma l’iniziativa aveva subito una la prima battuta d’arresto poche settimane dopo quando Igor Komarov, numero uno della Roscosmos ovvero l’agenzia spaziale di Mosca, aveva annunciato la necessita’ di dover posporre i lavori di ricerca per sopravvenute difficoltà che, nei mesi successivi, avevano portato alla cancellazione dell’intero progetto. Oggi, Rogozin torna a rispolverare una delle iniziative più importanti per tutto il comparto aerospaziale internazionale. In precedenza lo stesso vice primo ministro aveva sottolineato come al momento la Russia non sia fornita di lanciatori specifici per supportare il trasporto verso lo spazio di materiale estremamente pesante, e come questo rappresentasse un handicap per la costruzione di un primo campo base sul satellite terrestre, obiettivo condiviso anche e soprattutto dall’Agenzia spaziale europea (Esa).