Astronomia: supernova all’origine del Sistema Solare, impronte nei meteoriti

La nascita del nostro sistema planetario innescata dall'esplosione di una supernova. Gli indizi, secondo uno studio USA, nelle impronte fossili lasciate sui meteoriti dai nuclei liberati dall’esplosione

All’incirca 4,6 miliardi di anni fa, in una regione periferica della Via Lattea, un evento cosmico scuote una nube di gas e polveri. La conseguenza è un collasso gravitazionale che dà origine a una proto-stella, circondata da un disco con embrioni di pianeti. È l’alba del Sistema Solare. A innescare questa catena di eventi, un’esplosione di supernova.

L’ipotesi, formulata da un team di astronomi USA della University of Minnesota, è contenuta in uno studio pubblicato su Nature Communications. Secondo gli astronomi statunitensi, la supernova avrebbe avuto energia sufficiente a comprimere la nube di gas, fino a farla collassare.

Gli autori – spiega l’Agenzia Spaziale Italiana – hanno trovato le impronte fossili di questa esplosione cosmica in alcuni meteoriti risalenti agli albori del Sistema Solare. Impronte rappresentate dai prodotti di decadimento dei nuclei rilasciati dall’esplosione.

Le supernove sono oggetti cosmici molto luminosi e causano emissioni di radiazione che possono, per brevi periodi, superare quelle di una intera galassia. L’esplosione espelle la maggior parte, o tutto, il materiale che costituisce la stella, generando una bolla di gas in espansione chiamata resto di supernova.

La natura della supernova che avrebbe dato origine al Sistema Solare rimane, tuttavia, ancora elusiva. Anche se gli indizi trovati dagli astronomi USA fanno supporre che la sua massa sia piuttosto ridotta, circa dodici volte quella del Sole.