Australia: fossile di balena svela la chiave della sua evoluzione

Alfred, questo il nome dato al fossile di balena, ha circa 25 milioni di anni ed è stato trovato nella costa occidentale degli Stati Uniti

Il cranio fossile di una balena preistorica ha dato agli scienziati la chiave di lettura per capire come questi mammiferi marini siano passati dall’avere i denti ad avere i fanoni, le lamine che si trovano nella bocca della balena, utilizzati come filtro per trattenere i piccoli pesci. A studiare questa trasformazione sono stati gli scienziati del Museo di Victoria, in Australia. Alfred, questo il nome dato al fossile, ha circa 25 milioni di anni ed è stato trovato nella costa occidentale degli Stati Uniti. Pur avendo i denti presenta già tracce dei fanoni. L’alimentazione attraverso il filtraggio dell’acqua, dicono gli esperti, “è la chiave dell’evoluzione delle balene“, che si nutrono di plancton e krill. I denti di Alfred presentavano graffi sulla superficie interna, segno che la preda veniva morsicata prima del filtraggio. Un passaggio sostanzialmente inutile ai fini dell’alimentazione che ha portato quindi alla perdita dei denti a favore dei fanoni.