Natale all’insegna della sobrietà e del contenimento: la spesa delle famiglie non andrà oltre il +0,9%

Un Natale all’insegna della sobrietà e del contenimento. La spesa delle famiglie italiane destinata ai regali non andrà oltre un incremento dello 0,9% rispetto allo scorso anno. A calcolarlo sono le associazioni Federconsumatori e Adusbef secondo le quali, a di un mese a Natale, “non si percepisce traccia dell’atmosfera gioiosa tipica di questa festività”. “Mai – evidenziano in una nota – vi è stato Natale più freddo, non tanto sul fronte dei consumi e della spesa per i regali, quanto su quello relativo agli stati d’animo. Le famiglie sono ormai abituate, purtroppo, a fare i conti con le tante rinunce dettate da un potere di acquisto ormai ridotto all’osso“. “Ben l’85,2% delle tredicesime è dedicato al pagamento di tasse, mutui, bolli, canoni, rimborsi debiti famiglie che vivono a rate. A complicare la situazione è la preoccupazione che i cittadini vivono quotidianamente per le prospettive future del Paese. In questo frangente, la spesa per i regali natalizi sarà improntata alla sobrietà ed al contenimento: si attesterà al +0,9% rispetto allo scorso anno“, dicono Federconsumatori e Adusbef. Secondo le prime stime dell’Onf, l’ Osservatorio Nazionale Federconsumatori, il budget che ogni famiglia metterà in campo quest’anno sarà di circa 124,80 euro, pari ad un giro di affari di circa 3,12 miliardi di euro. Guardando, invece, ai prezzi dei prodotti tipici delle festività si continuano a registrare aumenti, seppure molto contenuti: dal nostro studio emerge che, nel 2016, crescono mediamente del +0,7%. Ad aumentare maggiormente sono i costi degli articoli da regalo (+1,8%) e dei prodotti alimentari (+2,1%). Una parentesi a parte meritano i prodotti tecnologici di ultima generazione (il cui costo aumenta mediamente del +2%). Il loro consumo aumenta, specialmente a rate. In contrazione, invece, i costi degli alberi di Natale e degli addobbi (rispettivamente -1% e -2%): un andamento che rispecchia la tendenza al fai da te, motivato non solo dal risparmio, ma anche dall’educazione al riciclo ed al riuso dei materiali, importante esempio soprattutto per i più piccoli. Tra le novità del 2016, riferiscono le due associazioni, emerge una forte propensione ai buoni o alle card regalo, specialmente quelle più utili. Gift card messe a disposizione e promosse non più solo dai soliti negozi di elettronica, negozi sportivi e grandi librerie, ma anche dai supermercati (per la spesa alimentare) e dalle catene di abbigliamento, all’insegna dei regali utili. Anche canali e piattaforme televisive hanno confezionato offerte ad hoc da mettere sotto l’albero. Un’idea innovativa e moderna, che sarà apprezzata specialmente dai più giovani, è quella di regalare buoni da utilizzare su piattaforme per l’acquisto di musica, ebook e app. Una tabella a parte è dedicata ai regali low cost, con un budget al di sotto dei 20 euro. Regali originali e dal budget contenuto. (AdnKronos)