Terremoto M 3.7 in Emilia-Romagna: verifiche nelle scuole

Terremoto Emilia-Romagna: "Non c'è stato nessun danno a persone o cose"

“Non c’è stato nessun danno a persone o cose finora segnalato” nei comuni in cui è avvenuta la scossa di magnitudo 3.7 avvertita intorno alle 7 di questa mattina nel reggiano e nel modenese. A riferirlo ad AdnKronos è il responsabile della protezione civile regionale, Maurizio Mainetti. Solo molta paura e migliaia di chiamate giunte da Reggio Emilia, Carpi, Modena, da parte di cittadini allarmati dalla scossa avvertita fino a Correggio e con epicentro a Bagnolo in Piano (Reggio Emilia). Si è deciso, comunque, spiega Mainetti, “di fare verifiche cautelative e di rassicurazione nelle scuole”. “Si è trattato – prosegue l responsabile della protezione civile regionale – di un terremotprofondo, 24-27 chilometri di raggio, che ha avuto però un’accelerazione molto bassa sugli edifici” e dunque scarse ripercussioni. Non sono stati segnalati interventi dei vigili del fuoco. “Continua a essere alta la soglia di attenzione e il lavoro di prevenzione, unica strategia per affrontare questi eventi”, conclude Mainetti.