Terremoto, in Umbria torna in superficie un torrente scomparso nel 1979: modifiche all’idrogeologia causate dal sisma?

Un torrente scomparso in seguito al terremoto di Norcia del 1979 è tornato in superficie. E' il secondo evento idrogeologico importante dopo il terremoto del 30 ottobre 2016, insieme all'aumento della portata del fiume Nera

Il fiume Nera cambia percorso in seguito al terremoto del 30 ottobre 2016

Era scomparso in seguito al forte terremoto di Norcia del 19 settembre 1979 , ora è tornato a scorrere in superficie. Si tratta del torrente Torbidone. Il corso d’acqua è tornato a scorrere nella zona di Norcia, vicino i viale della Stazione e rischia di allagare una azienda zootecnica, una strada e diversi campi coltivati. Tutte queste aree sono state già invase dal torrente.

Si tratta di un fenomeno molto significativo dal punto di vista geologico ed idrogeologico, e gli studiosi sono all’opera per capire cosa sia successo. Non si tratta dell’unica modificazione del reticolo idrografico causata dal sisma.

Sempre in seguito al terremoto del 30 ottobre scorso, il fiume Nera ha fatto registrare un significativo aumento della portata. Si sta studiando il motivo ma è noto che i forti terremoti causano modifiche alla circolazione idrica sotterranea, specie in aree montane e carsiche, dove l’acqua si muove attraverso aree fratturate, faglie, fratture.