AIDS: speranze di cura “funzionale” dell’HIV da farmaco per l’intestino

La 'cura funzionale' per l'Hiv consente di silenziare a lungo termine il virus senza prendere farmaci

Emerge una nuova speranza per una cosiddetta ‘cura funzionale‘ per l’Hiv, che consente cioè di silenziare a lungo termine il virus senza prendere farmaci: risultati “sorprendenti” ma ancora su modello animale, in particolare delle scimmie, sono stati ottenuti utilizzando un anticorpo monoclonale prodotto dall’azienda giapponese Takeda e indicato per la terapia di disturbi intestinali cronici come colite ulcerosa e malattia di Crohn. Lo studio viene portato avanti dai laboratori di Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Disease americano, che rimane cauto nel parlare della ricerca, ricorda ‘Euronews’ on line. Pare che il farmaco, chiamato Entyvio* (vedolizumab), specificatamente ingegnerizzato per bersagliare una proteina, sia riuscito a controllare l’infezione senza bisogno di altre terapie nelle scimmie, anche per due anni di seguito. I risultati definitivi si otterranno nel 2018.