Animali: traffico di specie protette, sequestrati coralli e 25mila pesci tropicali

Sequestrati dalla guardia di finanza del Comando provinciale di Roma quasi due tonnellate di coralli vivi duri del tipo Catalaphyllia

Quasi due tonnellate di coralli vivi duri del tipo Catalaphyllia, Euphyillia, Fungia, Scolymia, Welisophyllia ed oltre 25mila esemplari di pesci tropicali delle specie Acanthurus Leucosternon, Pomacantuhs Imperator, Heniochus Acuminatus, Lion Fish, Lysmatadebelius, per un valore commerciale totale di circa 250mila euro, sono stati sequestrati dalla guardia di finanza del Comando provinciale di Roma e dal Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato, coordinati dal sostituto procuratore Mirko Piloni della procura della Repubblica di Civitavecchia. L’indagine è partita dal controllo di alcune spedizioni in arrivo dall’Indonesia e da Singapore apparentemente regolari, in quanto corredate dalla documentazione doganale e dalle certificazioni Cites necessarie per l’importazione nel territorio di San Marino. I pesci e i coralli, però, grazie alla compiacenza di un grossista di Monterotondo (Roma), non sarebbero mai arrivati all’azienda di San Marino destinataria della spedizione, ma dirottati su tutto il territorio nazionale, in violazione delle procedure previste dalla normativa. Per questi motivi, i sei presunti responsabili, compreso il titolare della società di vendita all’ingrosso di Monterotondo, sono stati denunciati, a vario titolo, per i reati di maltrattamento di animali, violazioni alle leggi e regolamenti inerenti l’importazione e commercializzazione di specie animali protette dalla Convezione di Washington e contrabbando aggravato. Dalle indagini dei finanzieri del Gruppo di Fiumicino, coadiuvati dagli agenti del Corpo forestale dello Stato, è emerso che il modus operandi del gruppo criminale prevedeva lo smistamento degli esemplari proprio nei pressi dell’area Cargo City di Fiumicino, in un anonimo piazzale. Gli animali avrebbero così continuato il loro viaggio in diverse destinazioni sul territorio italiano, senza il minimo rispetto delle procedure inerenti il trattamento e la movimentazione di fauna tropicale, con il rischio di ulteriori inutili sofferenze per le delicate specie trasportate. Le indagini sulla documentazione contabile, di trasporto e veterinaria, hanno consentito di individuare i reali destinatari degli esemplari protetti, in particolare negozi di acquariologia in provincia di Ravenna, Latina, Roma, Frosinone, Pescara, L’Aquila, Campobasso, Napoli, Salerno, Potenza, Siracusa e Catania. Tutti gli esemplari sono stati salvati e trasferiti in sicurezza all’acquario di Livorno ed il Museo di Storia Naturale di Calci (Pisa), specializzati nella cura e sostentamento di questi animali.