Previsioni Meteo: nel weekend tanta nebbia, foschia e nubi basse

Un vasto campo di alta pressione che si allunga per 4000 chilometri dall’Algeria fino alle Isole Britanniche estenderà la sua influenza a gran parte del nostro Paese, impedendo in tal modo alle fredde correnti artiche che attraversano l’Europa Orientale di continuare a scorrere anche sulla nostra Penisola: le temperature quindi risaliranno e in quasi tutta Italia finirà l’assaggio di inverno degli ultimi giorni. Si andrà configurando dunque una situazione di blocco a omega,così definito perché l’alta pressione assume una forma simile alla lettera greca. Secondo il Centro Epson Meteo le condizioni di stabilità atmosferica portate dall’alta pressione però favoriranno la formazione di qualche nebbia in Valpadana nelle ore notturne e del prime mattino nonché la presenza, a partire da venerdì, di strati di nubi basse su Liguria e regioni tirreniche. Nel fine settimana situazione ancora tranquilla, senza l’arrivo di nuove perturbazioni, anche se l’ anticiclone tenderà temporaneamente e lievemente a indebolirsi a causa di infiltrazioni di aria più umida dall’Atlantico verso il basso Mediterraneo e di aria lievemente più fredda da est verso il mar Adriatico e la Val Padana.

ImmagineGiovedì un po’ di nuvolosità anche compatta fin dal mattino su Levante Ligure, Toscana, Umbria e alto Lazio. Prevalenza di cielo sereno o poco nuvoloso sul resto dell’Italia, fatta eccezione per un po’ di nuvole presenti su basso Tirreno e Sardegna Settentrionale. Dalla tarda serata locali banchi di nebbia in Val Padana, in particolare lungo il corso del Po e sulle coste venete, e nelle zone interne di Lazio e Campania. Temperature massime quasi ovunque in sensibile rialzo. Venti moderati di Libeccio sul Mar Ligure, di Maestrale al Sud, ma in attenuazione rispetto ai giorni scorsi.Venerdì nubi basse a ridosso delle zone occidentali della Penisola, tra Liguria, versanti tirrenici e Sardegna, con nebbie tra Emilia e Veneto. Qualche goccia di pioggia in mattinata su coste tirreniche della Calabria, in giornata anche su coste campane e nella Sardegna nord-occidentale e in serata sulle coste della Toscana. Le nubi tenderanno ad estendersi all’alto Adriatico e alla Pianura Padana e nella notte saranno possibili deboli piogge sulle coste tra Veneto e Romagna. Ulteriore aumento delle temperature minime e i valori massimi saranno vicini alle medie stagionali.

Per i prossimi giorni non si prevede l’arrivo di nuove perturbazioni e si conferma un periodo abbastanza lungo di almeno una settimana caratterizzato da precipitazioni in generale scarse e in qualche caso anche del tutto assenti a causa della persistenza di un campo di alta pressione.Questo anticiclone tenderà temporaneamente e lievemente a indebolirsi tra il weekend e l’inizio della prossima settimana a causa di infiltrazioni da un lato di aria più umida dall’Atlantico verso il basso Mediterraneo , dall’altro di aria lievemente più fredda da est verso il mar Adriatico e la Val Padana.

Sabato giornata prevalentemente soleggiata nel settore alpino; il sole sarà presente anche su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata e gran parte del Lazio. Nel resto del Paese nuvolosità variabile, che risulterà più densa e di tipo basso e stratificato sulle pianure del Nord e nel nord delle Marche, tra Toscana e Liguria con la possibilità di pioviggini su Veneto, coste romagnole e nel nord delle Marche. Qualche debole pioggia anche sulla Liguria di Levante e in Campania. Nebbie più probabili nelle valli e nelle zone interne del Centro. Temperature massime in diminuzione al Nord e sulle Marche, senza grandi variazioni altrove. Lieve rinforzo dei venti orientali su adriatico centro-settentrionale. A fine giornata rinforza lo Scirocco attorno alla Sardegna.Domenica cielo grigio in Val Padana fino al nord delle Marche; nel resto del Paese tempo parzialmente soleggiato con una maggiore nuvolosità sulle Isole maggiori e in Liguria. In generale non si prevedono precipitazioni. Tempo soleggiato su tutto l’arco alpino. Attenzione al rischio di qualche nebbia nelle ore più fredde del giorno su valli e zone interne del Centro. Temperature prossime alla media stagionale soprattutto nei valori massimi.